Lavoratori Gesip in stato di agitazione

“Ad oggi non si ricevono garanzie sui livelli occupazionali né tanto meno sulle retribuzioni dei circa 2000 dipendenti”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

L’A.Si.A. (Alternativa Sindacale Autonoma) ha proclamato oggi lo stato di agitazione dei lavoratori Gesip, comunicandolo al Prefetto, al Presidente della Regione e al Commissario straordinario del Comune. Allo stesso tempo, l’A.Si.A. ha chiesto al Prefetto di convocare tutte le organizzazioni sindacali presenti all’interno della Gesip, congiuntamente al Presidente Lombardo e al commissario Latella, al fine di espletare le procedure di raffreddamento per la garanzia dei servizi pubblici essenziali (ai sensi della Legge 146/90 e 83/2000), in quanto, ancora ad oggi, non si ricevono garanzie sui livelli occupazionali né tanto meno sulle retribuzioni dei circa 2000 dipendenti della Gesip. Stato di agitazione che si tramuterà in sciopero - secondo i termini di legge - davanti ad un nulla di fatto.

Ricordiamo che la convenzione di servizi tra il Comune di Palermo e la Gesip Palermo, è in scadenza il prossimo 31/03/2012 e, non è ancora stata affrontata alcuna discussione tra le parti al fine di trovare una soluzione strutturale al grave problema occupazionale. Questa mattina doveva tenersi l’incontro tra Regione i sindacati Gesip. Incontro che non si è svolto perché Cisl e Uil hanno posto il problema della titolarità del sindacato A.Si.A. a prendervi parte, nonostante la stessa A.Si.A. rappresenti la maggioranza dei lavoratori coinvolti nella vicenda. Dopo momenti ad alta tensione, la Regione ha deciso di rinviare l’incontro: “Non ci sorprende il comportamento dei segretari delle due federazioni – affermano i due responsabili Mimmo Russo e Salvo Barone - che anche questa volta in una situazione di estrema gravità occupazionale preferiscono anteporre interessi personali a quelli dei lavoratori. Un plauso alla Filcam-Cgil che ha dimostrato di essere ancora una volta “il sindacato” a tutela dei lavoratori oltre ogni preconcetto. Noi andremo avanti per il mandato datoci dai lavoratori, contro tutto e tutti”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento