Stati generali delle Zone franche montane, nuova iniziativa a cura del comitato promotore

Anche la CIDEC Sicilia ha dato la propria adesione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Zone Franche Montane: la fiscalità di sviluppo incentiva risorse, nuova occupazione e speranza”: è il titolo dell’ incontro che si terrà martedì 23 aprile a Palermo, presso la Sala “Piersanti Mattarella” dell’Assemblea Regionale Siciliana, a partire dalle 10:00. L’iniziativa, rivolta anche alla stampa, è stata organizzata dal Comitato promotore per l’istituzione delle Zone Franche Montane Sicilia, composto da Vincenzo Lapunzina dell’associazione “Il Caleidoscopio”, editrice della testata web MadonieNotizie – Il Caleidoscopio, Alberto Virga del Consorzio Centro Commerciale Naturale di Gangi, Antonio Polito del Consorzio Centro Commerciale Naturale di Petralia Sottana, Salvatore Cassisi del Consorzio Centro Commerciale Naturale di Polizzi Generosa e Vincenzo Spinelli del Consorzio Centro Commerciale Naturale di Nicosia. Del comitato fanno parte altresì le organizzazioni sindacali Confesercenti, Cgil e Casartigiani, attraverso i rispettivi responsabili zonali delle Madonie Giuseppe Cità , Calogero Stabile e Giuseppe Profita e il coordinatore dei Borghi più belli d’Italia per la Sicilia Salvatore Bartolotta. L’incontro vedrà anche la partecipazione di Riccardo Compagnino, commercialista tra i massimi esperti di contabilità pubblica, degli amministratori comunali interessati, dei responsabili regionali dei sindacati e delle associazioni di categoria e degli Enti Locali. Il Comitato è da anni impegnato sul versante della rivitalizzazione delle aree interne isolane e dei Comuni situati oltre i cinquecento metri di altezza, i cui sindaci coinvolti dalle iniziative del Comitato rappresentano gli attori principali nell’azione di sollecitazione e sensibilizzazione rivolta al governo e alla deputazione regionale. L’azione del Comitato, nello specifico, mira all’approvazione del disegno di legge 981/15 – divenuto il numero 3/2017 con l’avvento della nuova legislatura - che “giace” all’ARS da oltre millecinquecento giorni.

Torna su
PalermoToday è in caricamento