Policlinico, sprechi sul trasporto dei pazienti: responsabile amministrativo citato in giudizio

Così ha deciso la Corte dei conti ipotizzando eventuali responsabilità del dottore Maurizio D'Angelo sull'affidamento del servizio. Il danno contestato ammonta a quasi 2,2 milioni di euro. Nelle scorse settimane è stata archiviata la posizione di un ragioniere

Citato in giudizio per un presunto danno erariale da quasi 2 milioni di euro. Così ha deciso la Procura regionale della Corte dei conti per Maurizio D’Angelo, responsabile amministrativo del Dipartimento dei servizi centrali della direzione sanitaria del Policlinico Paolo Giaccone. Il suo coinvolgimento riguarda la gestione del servizio per il trasporto dei malati all’interno dello stesso nosocomio. Il servizio, si legge in una nota della Corte dei conti, era stato affidato al raggruppamento temporaneo di imprese Italy emergenza cooperativa sociale e ambulanze città di Roma srl per gli anni 2012-2017.

La procura erariale ha rilevato diverse criticità in relazione all’affidamento del servizio e alla gestione dello stesso, “con particolare riguardo - si legge in una nota della Corte dei conti - alle prestazioni remunerate alla società affidataria che esorbitavano quelle pattuite contrattualmente. Il danno contestato al dottore D’Angelo ammonta a 2.197.796,74 euro. L’udienza si terrà presso la sezione giurisdizionale in data 22 aprile 2020”. Per la stessa vicenda la Corte dei conti ha disposto nelle scorse settimane l’archiviazione per un ragioniere 68enne in servizio al Policlinico per “l’insussistenza di elementi sufficienti a sostenere in giudizio la sua posizione di responsabilità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento