Cinisi, in spiaggia è caos: il comitato cittadino incontra il sindaco

Durante i primi due fine settimana di giugno Magaggiari è stata invasa dai villeggianti. Il risultato? Traffico in tilt e rifiuti ovunque. Il Comitato: "Ci apprestiamo a vivere l'ennesima estate negata ai residenti"

Il secondo fine settimana estivo della stagione 2013 si è appena concluso e il risultato è stato lo stesso del precedente: la spiaggia Magaggiari di Cinisi è stata invasa dai villeggianti e i residenti sono stati costretti a fuggire altrove. Il traffico in zona si è paralizzato. I rifiuti si sono moltiplicati.

Per cercare di mettere ordine al caos il Comitato Ripiuliamo Cinisi e Terrasini ha invitato il sindaco Salvatore Palazzolo, l'amministrazione tutta e il comando dei vigili urbani, a partecipare ad un incontro sul tema. Il sindaco ha accettato e oggi le due parti si sono incontreranno.

"La presenza elevata di bagnanti, soprattutto nei week end, ha messo a nudo anche quest’anno tutte le difficoltà di chi gestisce il controllo delle aree e della viabilità afferente la spiaggia Magaggiari e la periferia tutta del territorio di Cinisi; inoltre la presenza di un numero inadeguato di unità comunali preposte al controllo ed all’ordine pubblico, ha fatto il resto. Ci apprestiamo a vivere l'ennesima estate negata ai residenti ed abitanti di Cinisi!!!", spiega nell'appello lanciato su Facebook il Comitato.

"Per l’ennesima estate i residenti si apprestano a dover compiere lunghi viaggi al di fuori del territorio di Cinisi (soprattutto la domenica) per poter godere di poche ore di relax. Ancora questa estate i residenti non avranno alcun privilegio nell'uso dei parcheggi gestiti dal comune (strisce blu) o, ancora nell'utilizzo dei servizi offerti dalla Cooperativa assegnataria della gestione della spiaggia Magaggiari! Questo tipo di gestione, scriteriata e senza alcuna pianificazione e progettualità per le economie del Comune e dei cittadini, comporterà una richiesta di maggior impegno nei servizi comunali, come quello di raccolta dei rifiuti, del controllo del territorio, di pulizia, di ordine pubblico; servizi pagati con tanti sacrifici dai cittadini di Cinisi, ma prestati, anzi regalati, praticamente, in modo esclusivo ai non residenti! Cari amministratori, la nostra non è mancanza di accoglienza nei confronti dei turisti! Questo NON E’ TURISMO, QUESTO E’ CAOS!", conclude il Comitato.

Gli argomenti all'ordine del giorno dell'incontro. Il Comitato chiederà che i residenti possano avere delle agevolazioni sulle tariffe delle strisce blu nelle strade che circondano la spiaggia Magaggiari; che venga istituito un servizio di vigilanza sulla gestione dei parcheggi all'interno delle aree con strisce diverse da quelle blu (tutti i parcheggi sul bordo dx della carreggiata nel tratto che precede il Park Florio Hotel); di accedere alla documentazione e alle licenze (compreso il parere reso dai vigili del fuoco) per l'utilizzo dell'area antistante l'ingresso del Park Florio Hotel, attualmente adibito a parcheggio con più di 9 auto; chiarimenti sulle decisioni prese in merito alla pulizia della spiaggia e dello spiazzo antistante.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

Torna su
PalermoToday è in caricamento