Colpi di pistola dopo una lite: due feriti alla Zisa

E' il bilancio di una sparatoria avvenuta in via Re Federico. Dopo un'accesa discussione, uno dei due litiganti avrebbe impugnato l'arma e sparato al rivale. Indagano i carabinieri

Prima le urla, poi la lite e infine gli spari esplosi dentro un appartamento e lungo le scale. E’ accaduto intorno alle 12 in via Re Federico, traversa di via Dante, dove i carabinieri sono intervenuti a seguito delle segnalazioni di alcuni vicini che avevano sentito alcuni colpi di arma da fuoco. Il bilancio è di due feriti lievi.

Aggiornamento: fermato un 77enne per tentato omicidio

Immediato l’intervento dei carabinieri del Nucleo Radiomobile e della Scientifica, impegnati a effettuare i rilievi per ricostruire quanto accaduto. Secondo una prima ricostruzione i due uomini, di cui non si conoscono le generalità, avrebbero dato vita a un’accesa discussione per ragioni ancora da chiarire. I commercianti vicini parlano di un alterco fra uno degli inquilini del palazzo e l’addetto alla pulizia delle scale. A scatenare la violenza sarebbe stata una vicenda legata a un debito di poche decine di euro.

Le immagini dal luogo della sparatoria | Video

Improvvisamente uno dei due avrebbe impugnato la pistola esplodendo alcuni colpi sull’uscio della porta di casa propria, inseguendo il suo obiettivo lungo le scale. Non è ancora chiara la dinamica, così come non si conoscono le condizioni dei feriti. Nessuno dei due però sarebbe in gravi condizioni e solo per uno di loro si sarebbe reso necessario sottoporsi a controlli in ospedale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Incidente a Terrasini, scontro auto-moto: morto 38enne, grave una donna

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • "Addio Lando": è morto il proprietario del Break

Torna su
PalermoToday è in caricamento