Giovane ferito con una pistola, il titolare del pub: "Che paura, abbiamo rischiato grosso"

I clienti dell'Oro Colato sono andati via, alcuni portandosi dietro il cocktail in un bicchiere di plastica. Almeno 4 i colpi esplosi dalla strada, tutti ad altezze diverse. Un cameriere: "Ho sentito 'via, via' e una macchina che sgommava in direzione Fiera". Proseguono le indagini della Squadra Mobile

Uno dei tre fori di proiettile rivenuti all'esterno del pub Oro Colato

Nessuno avrebbe visto nulla, eppure sarebbero stati esplosi almeno quattro colpi di pistola. Tre dei quali hanno anche rischiato di colpire i clienti e i lavoratori del pub Oro Colato. Proseguono le indagini della Squadra Mobile sul ferimento del 28enne F.G., arrivato intorno alle 3,20 ella scorsa notte a Villa Sofia con una ferita alla testa. "Mi hanno sparato", avrebbe detto ai poliziotti il giovane appena sceso dall’auto utilizzata per portarlo dal locale di via Alessi (ex via Autonomia Siciliana) al pronto soccorso.

"Non abbiamo sentito nulla. C’era la musica alta - spiega a PalermoToday il titolare del pub Oro Colato, Ignazio D’Agostino - e stavamo caricando il frigorifero. Ho visto uno dei miei dipendenti uscire fuori. Mi ha raccontato che ha sentito urlare ‘via, via’ e ha sentito un'auto sgommare e allontanarsi in direzione della Fiera. Solo in un secondo momento ci siamo accorti che all’esterno del locale, nelle cassette dell’Enel, c’erano i fori di alcuni proiettili. Che paura, siamo stati fortunati: io e i miei ragazzi abbiamo rischiato di essere colpiti. Una questione di centimetri".

I primi a intervenire - quasi casualmente - sono stati alcuni agenti delle volanti che hanno visto un’auto sfrecciare nella zona di via Marchese di Villabianca. Seguendo la macchina sono arrivati sino all’area d’emergenza del pronto soccorso dove hanno appreso dalla vittima stessa cosa fosse successo. Il proiettile ha raggiunto il giovane alla testa colpendolo di striscio, come poi constatato dai medici che sin da subito hanno avuto il sospetto che si potesse trattare di un’escoriazione compatibile con quella provocata da un colpo di arma da fuoco.

Il 28enne, residente allo Zen e con qualche piccolo precedente, ha firmato le dimissioni la notte stessa ed è tornato a casa con una prognosi di pochi giorni. Gli investigatori hanno passato diverse ore al locale. Prima sono stati ascoltati i lavoratori, poi è intervenuta la Scientifica per cercare eventuali tracce e acquisire le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza che potrebbero avero ripreso qualcosa di utile per le indagini. Secondo quanto ricostruito sino ad ora i colpi sarebbero stati esplosi dalla strada, sparando dal lato in cui sorge il palazzo l’Enel in direzione del locale.

"Ero piegato dietro al bancone - racconta uno dei camerieri - quando si sono avvicinati diversi clienti. Alcuni sembravano un po’ allarmati, altri mi hanno chiesto di mettergli il cocktail in un bicchiere di plastica perché l’avrebbero portato via. Solo allora ho realizzato che era successo qualcosa. Cosa però l’ho scoperto dopo, quando è intervenuta la polizia. Noi non c’entriamo nulla e non credo neanche che fossero clienti nostri. Mi spiace solo notare la piega che sta prendendo Palermo. A volte credo che sarebbe meglio portare via da qui i miei figli, ma noi palermitani diciamo così e poi non riusciamo a fare a meno di Palermo".

Non è chiaro se chi ha premuto il grilletto avesse intenzione di uccidere. Né tantomeno quale possa essere il movente della sparatoria. I fori rivenuti nel corso dei rilievi si trovano tutti ad altezze diverse, a distanza di circa 40-50 centimetri l’uno dell’altro. Un quarto colpo avrebbe raggiunto la fiancata dell’auto utilizzata per il trasporto in ospedale, una Toyota. E non è stato ancora possibile capire se uno di questi quattro proiettili sia lo stesso che ha ferito il 28enne alla testa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • L'Italia è cambiata in peggio, si stava meglio quando si credeva di stare peggio. Meravigliosi anni 80 e 90.

    • anni 80 e 90 anni di stragi di mafia, dominio politico D.C., non so' poi quanto si stesse meglio come lei afferma.

    • Quanto espresso da Lei, non trova riscontro negli anni evidenziati.

  • Ma questo qui che faceva lì davanti al locale? Chissà se la robaccia gioca anche qui il suo ruolo...

    • la robaccia ti servirebbe tanto a resettare il cervello,,,,,

      • Lei già utilizza tale metodo? Rinunci, perché gli effetti son ben visibili.

  • alle 3 di notte c'era la musica alta? che c** che leggo

  • Adesso neanche un aperitivo si può andare a prendere, questo vuol dire che dobbiamo avere paura di vivere nella nostra città. Vergogna

  • musica alta alle 3.00, sanzionatelo!

  • siamo a un passo dallo sfracello...si rischia di ammazzare degli innocenti.mhaa

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Università, crescono i servizi: sei nuove mense nelle residenze per studenti

  • Cronaca

    Marconi, lavori in succursale e doppi turni alla centrale: genitori infuriati

  • Cronaca

    Sperona due auto e due pattuglie dei vigili, 41enne sottoposto al Tso

  • Politica

    Ars, dal Movimento 5 Stelle 30 mila euro a onlus che aiuta i bimbi dell'Albergheria

I più letti della settimana

  • Aggredita mentre corre in Favorita: "Voleva trascinarmi tra i cespugli e violentarmi"

  • Morto il boss Salvatore Profeta, per lui alla Guadagna si fermava perfino la Madonna

  • "Da Palermo a Ragusa in 20 minuti": treno superveloce, il primo progetto è in Sicilia

  • Donna muore per infarto a Villa Sofia, i familiari: "E' rimasta bloccata in ascensore"

  • Imbrattato il murales di Falcone e Borsellino alla Cala, spunta la scritta "Gay" con la vernice

  • Tragedia ad Acqua dei Corsari, tocca i fili elettrici e muore folgorato in casa

Torna su
PalermoToday è in caricamento