Sparò a rapinatore, gioielliere di 87 anni a processo: "Difendeva se stesso e la sua famiglia"

La parlamentare Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, si è recata a Partinico insieme a una delegazione del partito per manifestare solidarietà al commerciante e ai suoi familiari

Partinico dall'alto

“Vicende come quella del signor Francesco Cucchiara, in cui il dato anagrafico è determinante, dimostrano come la difesa sia sempre legittima: Fratelli d’Italia ha votato alla Camera la riforma, nella consapevolezza che rimane ancora tanto da fare e che avremmo voluto un provvedimento più coraggioso ma si tratta di un primo, importante passo verso la direzione giusta”. A parlare è Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, stamani a Partinico, insieme a una delegazione del partito, per manifestare solidarietà al commerciante e ai suoi familiari, protagonisti di una vicenda risalente al novembre 2013, quando il titolare del negozio sparò a uno dei rapinatori che erano entrati nella sua abitazione, minacciando lui e i congiunti in modo particolarmente cruento per appropriarsi del bottino della gioielleria.

Il fatto: finti finanzieri tentano rapina all'alba

Sei anni dopo, è finito sotto processo per eccesso di legittima difesa malgrado la richiesta iniziale di archiviazione da parte della Procura della Repubblica. Il ladro ferito, inoltre, ha chiesto un risarcimento di centomila euro per danni fisici. “Il signor Francesco Cucchiara ha ormai ottantasette anni – ha detto la parlamentare, alla presenza di Toti Longo e Vito Giuliano, rispettivamente assessore e consigliere comunale e al coordinatore cittadino di FdI a Partinico Fabio Bosco – e dovrà affrontare un processo penale per avere difeso i propri cari : siamo con lui, convinti più che mai che la difesa sia sempre legittima”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Mi dispiace il gioielliere doveva consegnare tutto i suoi averi hai rapinatori. In Italia funziona così peggio per lui ( VIVA L'ITALIA)

  • Sarà semplicemente una perdita di tempo, per un puro senso di delirio di onnipotenza di un giudice sinistroide. La persona non si farà un solo giorno di galera ma dovrà pagare esose parcelle per l'avvocato. In quanto alla richiesta di risarcimento avanzata da chi ha tentato la rapina altra porcata rimarrà con le mani nel sacco è potrà andare a sbattersi la testa contro un muro per consolarsi....

  • I politici lascino lavorare i giudici, che in quanto tecnocrati sanno benissimo in base a quali criteri valutare se una reazione costituisce "legittima difesa".

    • Avatar anonimo di salvatore
      salvatore

      Infatti, i risultati si vedono

  • Avatar anonimo di salvatore
    salvatore

    Questo è uno dei tanti motivi per cui una determinata classe politica ha perso le elezioni

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    In Italia esiste la tutela per il rapinatore.

  • Lampante..

  • Ma roba da matti! Va a rapinare e vuole tutti questi soldi perchè? Perché non è andata a buon fine la rapina? Queste cose solo in Italia possono succedere.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cavallo scappa e finisce in autostrada: paura sulla A29, l'animale bloccato dalla polizia

  • Incidenti stradali

    Incidente nella notte alla Cala, auto contro palo della luce: due feriti

  • Cronaca

    Buonfornello, beccati con 240 chili di sigarette di contrabbando: arrestati padre e figlio

  • Politica

    Auto elettriche, bando del Comune per installare in città le colonnine di ricarica

I più letti della settimana

  • Rissa sfiorata tra Massimo Giletti e il sindaco di Mezzojuso: "Mi mette le mani addosso?"

  • Arrivata la sentenza, Palermo all'inferno: "Ultimo posto e retrocessione in C"

  • Il viaggio, il malore e il cuore che si ferma: Cinisi sotto choc per la morte di un'undicenne

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

Torna su
PalermoToday è in caricamento