Sparò a rapinatore, gioielliere di 87 anni a processo: "Difendeva se stesso e la sua famiglia"

La parlamentare Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, si è recata a Partinico insieme a una delegazione del partito per manifestare solidarietà al commerciante e ai suoi familiari

Partinico dall'alto

“Vicende come quella del signor Francesco Cucchiara, in cui il dato anagrafico è determinante, dimostrano come la difesa sia sempre legittima: Fratelli d’Italia ha votato alla Camera la riforma, nella consapevolezza che rimane ancora tanto da fare e che avremmo voluto un provvedimento più coraggioso ma si tratta di un primo, importante passo verso la direzione giusta”. A parlare è Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia, stamani a Partinico, insieme a una delegazione del partito, per manifestare solidarietà al commerciante e ai suoi familiari, protagonisti di una vicenda risalente al novembre 2013, quando il titolare del negozio sparò a uno dei rapinatori che erano entrati nella sua abitazione, minacciando lui e i congiunti in modo particolarmente cruento per appropriarsi del bottino della gioielleria.

Il fatto: finti finanzieri tentano rapina all'alba

Sei anni dopo, è finito sotto processo per eccesso di legittima difesa malgrado la richiesta iniziale di archiviazione da parte della Procura della Repubblica. Il ladro ferito, inoltre, ha chiesto un risarcimento di centomila euro per danni fisici. “Il signor Francesco Cucchiara ha ormai ottantasette anni – ha detto la parlamentare, alla presenza di Toti Longo e Vito Giuliano, rispettivamente assessore e consigliere comunale e al coordinatore cittadino di FdI a Partinico Fabio Bosco – e dovrà affrontare un processo penale per avere difeso i propri cari : siamo con lui, convinti più che mai che la difesa sia sempre legittima”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento