Disabili: "Inaccettabile la sospensione del servizio assistenza igienico-personale"

Così i segretari Giuseppe Raimondi e Claudio Parasporo, rispettivamente della Uil Sicilia e Uil Scuola, che chiedono subito un passo indietro al governo Musumeci. "Così s'impoverisce sempre di più la scuola siciliana"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"L’'annunciata sospensione da parte della Regione, a partire da gennaio, del servizio di assistenza igienico-personale nelle scuole per alunni disabili è inaccettabile. Non è la prima volta che succede, la politica dimentica che sarebbero pesantissime le ricadute sui questi lavoratori ma soprattutto sul diritto allo studio per migliaia di studenti disabili”. Così i segretari Giuseppe Raimondi e Claudio Parasporo rispettivamente della Uil Sicilia e Uil Scuola che chiedono subito un passo indietro al governo Musumeci:

“Secondo la comunicazione da parte della Regione dovrebbero essere gli stessi istituti a garantire l'assistenza igienico-personale agli studenti disabili attraverso l’ausilio dei collaboratori scolastici. In Sicilia, però, a causa dei tagli il personale Ata è ridotto all’osso. Ci sono scuole con un solo collaboratore scolastico che, a detta dell’assessore Scavone, dovrebbe svolgere il servizio di sorveglianza, di portineria, di pulizia ed ora anche di assistenza igienico sanitaria. Tutto ciò è inaccettabile”.

Raimondi e Parasporo spiegano: “Da anni, quasi 2mila lavoratori garantiscono questa assistenza con professionalità, acquisita con specifici corsi di formazione. Una figura di questo tipo non può essere sostituita, si metterebbe a rischio la qualità delle prestazioni oltre che a gettare in strada dei professionisti. Questo lavoro ha bisogno di competenze che sicuramente non sono in possesso dei collaboratori scolastici. Da un lato la Regione approva la legge sul diritto allo studio dall’altro impoverisce sempre di più la scuola siciliana negando di fatto un diritto agli alunni disabili”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento