Aveva in casa un uccello protetto nella voliera e un altro morto nel congelatore: denunciato

La perquisizione, effettuata dai carabinieri forestali, è avvenuta a Villagrazia di Carini. Entrambi gli esemplari di Poiana erano sprovvisti di sistemi di identificazione e privi della documentazione prevista dalla legge

Aveva in casa, a Villagrazia di Carini, due Poiane, una specie protetta di rapace. Un uccello era in una voliera improvvisata, il secondo, morto, era nel congelatore. Entrambi gli esemplari erano sprovvisti di sistemi di marcaggio e/o identificazione e privi della documentazione Cites prevista dalla legge. I carabinieri forestali del Nucleo Cites, che hanno effettuato il controllo con il supporto dei militari di Villagrazia di CariniVillagrazia di Carini, hanno proceduto al sequestro degli animali e alla denuncia, per violazione della legge n.150/1992, del proprietario.

L’esemplare in vita è stato affidato al Centro recupero fauna selvatica di Ficuzza, gestito dalla Lipu, nel tentativo di reintrodurre l’esemplare in natura. La carcassa è stata affidata all’istituto Sperimentale zooprofilattico per la Sicilia Mirri di Palermo a disposizione della Procura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il ritrovamento di questi esemplari - affermano dal comando dei carabinieri - conferma le ipotesi sull’interesse, non solo amatoriale ma anche economico, che gravita intorno al mondo dei rapaci. Il valore commerciale di numerose specie di rapaci è molto elevato, complice la richiesta del mercato internazionale, specialmente da parte degli Stati mediorientali dove l’impiego dei rapaci per la caccia costituisce una pratica tradizionale nonché uno status symbol.L’elevato valore di talune specie ha determinato l’interesse di alcuni soggetti a commettere furti di uova e pulcini dai nidi al fine di allevarli in cattività e venderli al mercato nero dove un esemplare come quelli sequestrati dai carabinieri forestali può arrivare a costare fino a mille euro, ma esemplari più pregiati e rari, come ad esempio l’Aquila del Bonelli, possono costare anche più di diecimila euro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Sesso a 3 in strada davanti ai vigili: "Così passiamo la quarantena", denunciata giovane palermitana

Torna su
PalermoToday è in caricamento