"Cocktail e tavolini all'esterno senza autorizzazioni", sequestrato il pub Florio

La polizia municipale, dopo aver riscontrato mesi prima alcune irregolarità, è tornata a far visita nel locale: il titolare, però, non si era adeguato alle prescrizioni. Scovati anche un'autofficina e un parcheggio abusivi a Sferracavallo

Il pub di piazza Ignazio Florio (foto Google)

Sequestrati il pub Florio per alcune irregolarità amministrative e due attività abusive nella zona di Sferracavallo. Gli agenti del Caep della polizia municipale hanno apposto i sigilli al locale che si trova in piazza Ignazio Florio in esecuzione di una determina dello Sportello unico delle attività produttive, scaturita dai controlli che hanno accertato la cessazione degli effetti giuridici della Segnalazione certificata di inizio attività e il mancato accoglimento della concessione di suolo pubblico per l’occupazione dello spazio antistante l’esercizio. 

Nonostante la notifica degli atti dei mesi scorsi è stato accertato che il gestore dell’attività non si fosse adeguato alle prescrizioni. Circa 65 metri quadrati all’esterno del locale, infatti, continuavano ad essere occupati da pedane, tavoli, sedie, ombrelloni, fioriere, piani d’appoggio e panche. In quello spazio, tra l’altro, "avveniva la somministrazione di alimenti e bevande senza che - spiegano dalla caserma di via Dogali - il titolare fosse in possesso della prevista autorizzazione". E’ stata inoltre accertata la non agibilità dei locali, giudicata incompatibile con l’attività di somministrazione. Le sanzioni elevate ammontano a circa 5.300 euro.

In via Sferracavallo, durante un’altra operazione, sono state scovate due attività abusive. In un terreno di circa 1.300 metri quadrati, che si trova tra i piloni del viadotto che collega la statale 113 all’autostrada, un uomo di 84 anni aveva realizzato un parcheggio e successivamente concesso in affitto a un 34 anni uno spazio di circa 50 metri quadrati da utilizzare come officina per auto. Nessuna delle due attività, però, è risultata provvista delle dovute autorizzazioni e così gli agenti hanno proceduto con il sequestro, intimando ai rispettivi gestori lo sgombero delle aree dai veicoli custoditi all’interno.

Da un successivo sopralluogo finalizzato al controllo del territorio, però, è stato invece accertato che i due continuassero imperterriti nonostante i sigilli. Per questa ragione entrambi sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per violazione dei sigilli ai sensi dell’articolo 349 del Codice penale. Altri accertamenti sono stati eseguiti nella zona dell’Olivella e in particolare modo in via Monteleone, dove di recente sono stati sottoposti a verifica gli esercizi commerciali presenti. La presenza degli agenti ha consentito il regolare svolgimento delle attività e l’emissione di diffusione musicale entro i limiti consentiti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • È consuetudine a Palermo a quanto pare.....

  • Avatar anonimo di tony
    tony

    Sono felice.nessun senzo di sicurezza 400 persone stipate in 10 mq il sabato.nessuna bia d'uscita d'emergenza e apericena da schifo.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Imera, due auto si scontrano all'incrocio: tre feriti

  • Video

    E' una Fiera grandi numeri: "Edizione memorabile, è tornata ai livelli del passato" | VIDEO

  • Cronaca

    Vucciria, la fontana di piazza Garraffello diventa una piscina

  • Cronaca

    Cyberbullismo e blue whale: incontri al liceo Basile

I più letti della settimana

  • E' in vendita anche a Palermo la “marijuana legale”: ecco dove si può comprare EasyJoint

  • "Quando Raffaele Cutolo pisciò addosso a Totò Riina": le nuove rivelazioni

  • Tragedia allo Zen, bambino di un anno muore soffocato da un'oliva

  • Emma Marrone accusata di razzismo: "Non vuole esibirsi a Palermo"

  • Oscar, sequestrati 1.000 chili di prodotti: “Cassate e gelo di melone mal conservati”

  • Villa Sofia, muore a 38 anni dopo intervento di routine: medico ammette l'errore

Torna su
PalermoToday è in caricamento