Partinico, "era in un magazzino sporco": sequestro di pesce al supermercato

I controlli sono stati effettuati da polizia, guardia costiera, Finanza e Asp: "Emerse inadeguatezze igienico/sanitarie". Multe per 6.350 euro. Arrestato anche un pregiudicato che ha violato la sorveglianza speciale

Pesce sequestrato - Foto d'archivio

Ventidue chili di pesce in cattivo stato di conservazione sono stati sequestrati ieri in un noto supermercato di Partinico (le forze dell'ordine non hanno però divulgato il nome ndr). Controllate anche 39 persone, 17 veicoli, elevate multe per violazione al Codice della strada per un totale di 6.350 euro, denunciato un automobilista che guidava senza patente e arrestato un 39enne pregiudicato. E' questo il bilancio dei controlli effettuati in provincia coordinati dal locale commissariato di polizia, con il concorso della Guardia Costiera di Terrasini, dell’Asp di Partinico e della Guardia di Finanza.

IL SEQUESTRO DI PESCE -  Nel magazzino dove erano presenti le seppie orientali, i filetto di merluzzo, i tranci di tonno, gli anelli di totano e il pangasio "sono emerse inadeguatezze igienico/sanitarie", spiega in una nota la Questura di Palermo. Il titolare è stato denunciato per violazione della disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande. 

L'ARRESTO - A finire in manette Salvatore La Puma, 39enne pregiudicato, colto nella flagranza della violazione della misura della sorveglianza speciale: non poteva lasciare il Comune di Borgetto ma è stato sorpreso a Partinico. Il 39enne, non appena ha visto la polizia ha tentato la fuga in auto senza riuscirci. Gli agenti, dopo un inseguimento, hanno fermato l'auto a bordo della quale si trovavano due persone a Borgetto e scoperto la violazione che l'allevatore, nato ad Alcamo aveva messo in atto. La Puma, è un personaggio noto alle forze di polizia, ha precedenti per associazione a delinquere di stampo mafioso e detenzione illecita di armi da sparo ed estorsione. E' stato arrestato nel 2009 insieme ad altre sedici persone, nell’ambito dell’operazione “Chartago”, e condannato a otto anni e otto mesi di carcere.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Ma queste persone non dovevano portare il braccialetto elettronico?

  • Ottimo lavoro...un po di pulizie stato fatto

  • Quindi La Puma scorrazza libero tra Partinico Borgetto, e altri paesi, magari a fare dei summit di mafia tra tanti parassiti, come lui... bella questa giustizia... complimenti... certezza della pena... galera certa...svuotiamole.... tanto in Italia tutto si può

Notizie di oggi

  • Sport

    Esoneri, campioni e centri commerciali: i quindici anni di Zamparini in rosanero

  • Cronaca

    Mafioso esce dal carcere per sposarsi alla Real Fonderia, Catania: "E' un suo diritto"

  • Mafia

    Scarcerato per fine pena: il boss di San Lorenzo è di nuovo libero

  • Politica

    Crocetta il giorno dopo "L'Arena" di Giletti: "Tetto ai vitalizi, no a diritti feudali"

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina per professionisti, altra retata: i nomi dei 13 arrestati

  • Incidente a Partinico, con la moto contro un autoarticolato: morto palermitano

  • "E' solo influenza", medico del 118 non la ricovera: paziente muore un'ora dopo

  • Mafia e camorra dietro lo spaccio di coca per i professionisti, 13 arresti

  • Droga a ruba nella Palermo da sballo: coca per ricchi e poveri

  • Scarcerato per fine pena: il boss di San Lorenzo è di nuovo libero

Torna su
PalermoToday è in caricamento