Carcasse d'auto, topi e rifiuti nell'ex Agrumaria Corleone: scatta il sequestro a Romagnolo

Ad eseguire il provvedimento a tutela della sicurezza pubblica e dell'edificio è stata la polizia municipale. La struttura venne costruita tra il XIX e il XX secolo con l'obiettivo di diventare il fulcro delle imprese siciliane per la produzione del citrato di calcio estratto dal limone

L'ex Agrumaria Corleone di via Messina Marine, a Romagnolo

Carcasse d’auto, rifiuti speciali, immondizia e anche topi dentro un'ex fabbrica di estrazione di succhi da agrumi di via Messina Marine. Gli agenti del Nucleo tutela patrimonio artistico della polizia municipale hanno sequestrato nella zona il complesso monumentale al termine di un controllo disposto dal comandante Gabriele Marchese a tutela della sicurezza pubblica e dell’edificio in zona Romagnolo sottoposto a vincolo della Soprintendenza dei beni culturali.

“Durante il sopralluogo eseguito nell’immobile di proprietà del demanio marittimo gli agenti - spiegano dalla polizia municipale - hanno verificato il grave stato di abbandono del complesso che, a causa delle diverse lesioni strutturali, costituisce un grave  pericolo all’incolumità pubblica”. Mentre l’interno è stato trasformato in una sorta di discarica, il prospetto e le altre parti esterne della struttura sono risultate avvolte da una fitta vegetazione (e da altri rifiuti).

L’antica sede dell’Agrumaria Corleone è stata costruita nel 1915 ed era una fabbrica estrattiva di succhi d'agrumi che rappresentava, insieme agli edifici costruiti negli anni a cavallo tra il XIX e il XX secolo, il fulcro delle attività produttive della città in un’area scelta ad hoc poiché collegata alla città dal servizio pubblico della linea tranviaria. “La Sicilia - si legge in una pubblicazione dell’architetto Serena Tusa, della Soprintendenza dei beni culturali - aveva conseguito una sorta di monopolio della produzione di citrato di calcio estratto dal limone”.

In quel periodo erano sorte numerose imprese artigianali. “La necessità di tutelare il commercio degli agrumi e dei loro derivati aveva determinato la nascita della Camera Agrumaria per la Sicilia e la Calabria che aveva il compito di esaminare provvedimenti per promuovere, sviluppare e disciplinare il commercio degli agrumi e dei loro derivati (citrato di calcio e agrocotto) e agevolare lo sviluppo delle fabbriche per la produzione del prodotto finito, l’acido citrico, ma anche di favorire la costituzione della Banca Agrumaria”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Bellissima archeologia industriale buttata al macero.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Primarie Pd 2012, sentenza ribaltata: rappresentante di lista di Ferrandelli assolta

  • Cronaca

    Visita del presidente cinese e StraPalermo, traffico rivoluzionato nel weekend

  • Politica

    Figli di stranieri nati a Palermo, si realizza il sogno di 15 diciottenni: sono cittadini italiani

  • Cronaca

    Troppe persone a Palazzo delle Aquile, a rischio la sicurezza di visitatori e dipendenti

I più letti della settimana

  • Tragedia al Villaggio, ragazza si suicida lanciandosi dal balcone

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

  • Uccide pedone in via Roma, ventenne bloccato nella notte: "Ho avuto paura, sono scappato"

Torna su
PalermoToday è in caricamento