Brancaccio, sequestrate 400 mila bottiglie di acqua lasciate sotto al sole per 20 giorni

I militari del Nas le hanno trovate nel magazzino di una ditta che si occupa di trasporto e deposito per conto terzi in via Giafar. La merce era rimasta lì per un ritardo nella consegna, esposta alle intemperie

(foto archivio)

Sequestrate 400 mila bottiglie d'acqua a Brancaccio. I carabinieri del Nas hanno trovato la merce stoccata all'aperto in via Giafar, nei pressi dello scalo ferroviario, nel magazzino di una ditta che si occupa di trasporto e deposito per conto terzi. Si tratta di bottiglie destinate alla grande distribuzione che, per un ritardo nella consegna, si trovavano esposte alle intemperie, sotto al sole da più di 20 giorni.

L'intervento del Nas è scattato dopo le indagini dei carabinieri della stazione di Brancaccio. "L'esposizione ai raggi solari delle bottiglie in Pet aumenta la carica batterica dell'acqua. Questo può causare problemi alla salute", spiega il comandante del Nas di Palermo Giovanni Trifirò. Il sequestro adesso dovrà essere convalidato dall'autorità giudiziaria. Per il legale responsabile della ditta è scattata la denuncia. (Fonte: Adnkronos)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento