Brancaccio, sequestrate 400 mila bottiglie di acqua lasciate sotto al sole per 20 giorni

I militari del Nas le hanno trovate nel magazzino di una ditta che si occupa di trasporto e deposito per conto terzi in via Giafar. La merce era rimasta lì per un ritardo nella consegna, esposta alle intemperie

(foto archivio)

Sequestrate 400 mila bottiglie d'acqua a Brancaccio. I carabinieri del Nas hanno trovato la merce stoccata all'aperto in via Giafar, nei pressi dello scalo ferroviario, nel magazzino di una ditta che si occupa di trasporto e deposito per conto terzi. Si tratta di bottiglie destinate alla grande distribuzione che, per un ritardo nella consegna, si trovavano esposte alle intemperie, sotto al sole da più di 20 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intervento del Nas è scattato dopo le indagini dei carabinieri della stazione di Brancaccio. "L'esposizione ai raggi solari delle bottiglie in Pet aumenta la carica batterica dell'acqua. Questo può causare problemi alla salute", spiega il comandante del Nas di Palermo Giovanni Trifirò. Il sequestro adesso dovrà essere convalidato dall'autorità giudiziaria. Per il legale responsabile della ditta è scattata la denuncia. (Fonte: Adnkronos)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento