"In 400 sulla pista da ballo senza autorizzazioni", sequestrato il Maljk di Cefalù

Nell'ultima notte tra agosto e settembre la polizia ha effettuato alcuni controlli nel noto locale della movida che si trova sul lungomare. Il titolare ha esibito agli agenti una licenza del 2017 che però era scaduta a settembre di quello stesso anno

Una volante della polizia nel lungomare Giuseppe Giardina

Oltre 400 le persone che ballavano in pista, un dj che suonava con la sua consolle e neanche lo straccio di un’autorizzazione. Gli agenti del commissariato di polizia di Cefalù hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Termini Imerese mettendo i sigilli al noto locale della movida cefaludese, il Maljk, già sequestrato nel 2010 e nel 2011 per le stesse ragioni.

Aggiornamento: dissequestrato il locale

“In seguito ai controlli effettuati la notte tra il 31 agosto e l’1 settembre scorsi - si legge in una nota - gli agenti della divisione di polizia amministrativa della Questura di Palermo e del commissariato di Cefalù hanno accertato all’interno dello stabilimento balneare lo svolgimento di una serata danzante con oltre 400 persone e la presenza di un dj. Il tutto in assenza da parte del titolare della prescritta licenza del questore e della preventiva certificazione di agibilità relativa alla solidità ed alla sicurezza dei locali”.

L’evento, sottolineano dalla Questura, era stato anche ampiamente pubblicizzato sui social richiamando così numerose persone. All’atto dei controlli ai poliziotti sono state esibite dai titolari del locale alcune autorizzazioni risalenti al 2017 e scadute nel mese di settembre di quello stesso anno. Oltre ai due episodi risalenti al 2011 e al 2011 lo stabilimento era  anche a gennaio del 2016 in quanto sprovvisto dell’obbligatorio nulla osta paesaggistico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento