“Manca un permesso”: sigilli al Frozen Il titolare: “Ma ho tutte le licenze”

Sequestrato dalla polizia amministrativa il locale di via Alloro. Il capogruppo di IdV, Fabrizio Ferrandelli: "Applicata un decreto regio del 1931 ormai superato dalla Costituzione. Tanti ricorsi vinti, ma la chiusura è un danno"

Via Alloro

Un altro locale notturno finisce sotto sequestro. È il Frozen di via Alloro, al quale gli agenti della polizia amministrativa hanno posto i sigilli su disposizione dell’autorità giudiziaria. Secondo la questura, infatti, il titolare sarebbe risultato non in possesso dell’autorizzazione per la realizzazione di piccoli spettacoli all’interno del locale.

Ma Gaetano Gagliano, titolare del Frozen, non ci sta. “La notte di Halloween, durante un controllo, sono state trovate 15 persone che muovevano la testa a ritmo di musica. Abbiamo tutte le licenze e abbiamo faticato tantissimo girando da un ufficio all’altro per ottenerle. I giovani che vogliono fare impresa in questa città non vengono per nulla aiutati”. La questura, comunque, fa sapere che è stata semplicemente applicata una norma in base alla quale se non si hanno le autorizzazioni scatta il sequestro.

Ieri durante l’apposizione dei sigilli, davanti al locale c’era anche Fabrizio Ferrandelli, capogruppo di Italia dei Valori. “Il Frozen- spiega – è stato sequestrato per applicazione del decreto regio n. 773 del 1931 ed in particolare dell'art. 68 (intrattenimento pubblico) che è stato superato in molte sue parti (incluso il motivo che ha determinato la chiusura del Frozen) dalla Carta costituzionale del 1948. Tantissimi sono stati i ricorsi vinti, ma purtroppo dopo il danno della chiusura nei confronti degli esercenti”. Ferrandelli ha anche chiesto per martedì prossimo alle 12 la convocazione di un tavolo tecnico con la presenza dell’assessore comunale alle Attività produttive proprio per affrontare il tema dei tanti locali notturni chiusi negli ultimi mesi. Poco più di una settimana fa era stato sequestrato il "Fox Sound", un noto locale ai Candelai. Mentre a finire per primi nel mirino dei vigili urbani erano stati i locali presenti ai Chiavettieri.

Potrebbe interessarti

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

  • Come conservare il cibo, ecco i 10 alimenti che vanno tenuti (sempre) fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • Medaglie d'Oro, "trasmetteva" Sky (quasi) gratis: nella stanza da letto 57 decoder e 187 mila euro

  • Prima il malore in casa, poi l'incidente in auto durante la corsa in ospedale: morto 51enne

  • Lo Stato mette in (s)vendita i suoi tesori: ci sono 36 case in viale del Fante

  • Tredicenne morto sulla Palermo-Mazara, padre positivo alle analisi: aveva cocaina in tasca

Torna su
PalermoToday è in caricamento