"Avviso ai naviganti, Barracuda in rete", corso su come imparare a proteggersi dal bullismo

230 studenti di età compresa tra i 13 e i 16 anni saranno protagonisti di un laboratorio che insegnerà loro a riconoscerne le forme e a difendersi. Presenti Totò Schillaci e la mamma di un giovane che si è suicidato a causa del bullismo

Il 23 ottobre alle 9.30 a Palermo - nella ex Chiesa di San Matteo ai Crociferi (via Torremuzza, zona Kalsa) –  230 studenti di età compresa tra i 13 e i 16 anni saranno protagonisti di un Laboratorio che insegnerà loro a riconoscere le forme del bullismo in rete e a difendersi. Esponenti delle forze di Polizia, del Miur, psicologi e giuristi, spiegheranno ai ragazzi come “navigare” in sicurezza imparando a difendersi dai possibili barracuda e ad usare l’App You Pol.

Il Laboratorio porta a Palermo un’esperienza promossa lo scorso autunno dall’Unicef di Parma in un continuum territoriale che valorizza la sinergia tra enti, istituzioni e professionalità per offrire ai ragazzi una visione completa sul fenomeno del cyberbullismo, indicando loro le diverse forme attraverso cui si può manifestare il bullismo, i comportamenti da assumere nel caso ne siano vittime e  le possibili strategie di difesa.

“Gli episodi di violenza giovanile che in questi giorni registrano a Palermo una preoccupante escalation – dichiara Maria Giambruno che ha portato a Palermo il Laboratorio attraverso AssoFante e Zonta Palermo ZYZ – ci raccontano di una gioventù sempre più frustrata e violenta che si esprime attraverso la logica del branco. I giovanissimi - e le ragazze in percentuale maggiore – che usano giornalmente lo smartphone sono esposti a un rischio che è di gran lunga maggiore a quello del bullismo tradizionale perché si manifesta in maniera indiretta, attraverso l’apparente copertura e impunità della rete. Insieme a Isotta Cortesi, che attraverso Unicef Parma e Palermo ha lanciato l’iniziativa e con il prezioso contributo delle forze di Polizia e dell’assessora Giovanna Marano che ha colto il valore formativo dell’idea, vogliamo fornire ai ragazzi strumenti concreti per riconoscere gli episodi di bullismo e non rimanerne vittime. Il messaggio che ci interessa trasmettere – dice Maria Giambruno - è che nessuno è un eroe e che quando si presenta un pericolo bisogna cercare aiuto perché è nell’isolamento che il bullo mortifica la propria vittima fino a provocarne un forte disagio e , nei casi più estremi, la morte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al seminario saranno presenti due testimoni di bellezza: Maria Catambrone, mamma di Michele Ruffino, giovane suicida a causa del bullismo e Totò Schillaci, il bomber palermitano di Italia ‘90 che, attraverso una scuola di calcio al Cep, tiene lontani i ragazzi dalla droga e dai furti insegnando loro che lo sport, la solidarietà e il gioco di squadra sono gli strumenti più efficaci per tenere lontani bulli e violenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento