All’Istituto comprensivo di Ficarazzi la scuola incontra la magistratura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si è svolta il 16 marzo 2017 presso l'Istituto Comprensivo di Ficarazzi la seconda edizione "La Scuola Incontra La Magistratura", giornata di dibattito dedicata alla legalità. Presente alla manifestazione il procuratore aggiunto di Palermo Leonardo Agueci, Michelangelo Balistreri, che ha testimoniato con la sua esperienza personale per essersi ribellato al 'pizzo', Giovanni Perna come portavoce di Ferdinando Domè, il figlio di una delle prime vittime innocenti di una strage di mafia (viale Lazio, Palermo 1969). Tra le istituzioni locali presenti a fare gli onori di casa il primo cittadino di Ficarazzi Francesco Paolo Martorana con gli assessori Marinella Curvato e Salvatore Bisconti, nonchè il comandante dei carabinieri Maresciallo Roberto Chilla e il comandante della polizia municipale Filippo Oliveri. Altresì presente il dirigente del I° Circolo didattico di Villabate Prof.ssa Rosaria Furia e il professor Pietro Rammacca, preside del Liceo Scientifico di Bagheria. Il relatore principale della manifestazione è stato proprio il Procuratore aggiunto che ha preso la parola dopo la proiezione di una clip dedicata al Giudice Rosario Livatino ucciso per mano della Stidda il 21 settembre 1990 ad Agrigento, ricordato come il giudice Ragazzino dal film del 1994 diretto da Alessandro Di Robilant, una pellicola incentrata sulla vita del giudice siciliano Rosario Livatino, soprannominato Il giudice ragazzino per la sua giovane età, dall'ingresso in magistratura al suo impegno nella lotta alla mafia, fino all'assassinio. Durante il suo intervento il procuratore Agueci ha voluto spiegare ai ragazzi quali sono le dinamiche con cui la mafia si radichi nel territorio, con esempi che sembrano banali, spiegando come riconoscere gli atteggiamenti di un individuo mafioso, isolarlo e perchè no un giorno distruggere questo fenomeno che attanaglia la nostra amata terra. Il sindaco ha voluto omaggiare di un Crest del Comune il procuratore Agueci che ha avuto diversi attestati di stima nei confronti dell'amministrazione durante la manifestazione.

Torna su
PalermoToday è in caricamento