Terremoto nella valle del Belice: paura a Blufi e Castellana

Si tratta della stessa zona del disastroso terremoto nel 1968. Il sisma ha coinvolto molti comuni tra le province di Palermo, Trapani e Agrigento

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.3 è stata registrata ieri sera nella valle del Belice, la stessa zona del disastroso terremoto nel 1968. Il sisma con epicentro compreso tra Santa Margherita di Belice, Montevago, Menfi e Poggioreale si è verificato alle 20.38 tra le province di Palermo, Trapani e Agrigento. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose ma i cittadini dei comuni interessati dalla scossa si sono riversati in strada per ore in attesa di eventuali altre scosse e molti hanno addirittura passato la notte in auto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di nicola
    nicola

    Ma state scherzando o inserite notizie cosi a caso?

    • Perchè Nicola, cosa c'è che non va?“

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Raffica di rapine in farmacie, sanitarie e negozi: tre assalti in un'ora

  • Elezioni comunali 2017

    Forello candidato del M5s, Addiopizzo prende le distanze: "Siamo apartitici"

  • Politica

    Il Piano Giovani ingrana la marcia, al via la seconda finestra: altri 800 tirocini

  • Cronaca

    Albergheria, sequestrata la chiesa della Madonna dell’Annunziata: "Pericolo crollo"

I più letti della settimana

  • Fa 600 euro di "spesa" (con una tv 32 pollici) e tenta di non pagare: arrestato al Forum

  • Noce, si sporge dal balcone per prendere una pen drive e cade: grave un poliziotto

  • Pugni in testa a un'anziana per rubarle i contanti appena prelevati: arrestato

  • Viaggiano in 14 in una macchina: "Stiamo tornando da una festa"

  • Allarme tram: "Costi altissimi, se Orlando non trova i soldi le corse saranno sospese"

  • Donna muore all'Ismett, famiglia aggredisce medici e infermieri: interviene la polizia

Torna su
PalermoToday è in caricamento