"No alla privatizzazione delle Poste": uffici chiusi e corteo dei lavoratori a Palermo

Sfileranno da piazza Alcide de Gasperi fino alla sede regionale dell'azienda. Una delegazione di siciliani sarà presente anche alla protesta in programma a Roma

Uffici postali chiusi venerdì in Sicilia per lo sciopero generale nazionale dei lavoratori, proclamato da Cgil, Cisl, Confsal, Failp e Ugl. Previsto anche un corteo, dalle 10,30 alle 13, da piazza Alcide de Gasperi alla sede regionale dell’azienda. “Arriveranno trenta pullman da tutte le province, oltre ai tantissimi lavoratori che si stanno organizzando con mezzo proprio, preoccupati per il futuro dell’azienda, dell’occupazione, e delle loro famiglie”, annuncia la Slp Cisl Sicilia. Inoltre, una delegazione di dipendenti delle sedi siciliane manifesterà a Roma davanti al palazzo delle Poste, all’Eur, per la manifestazione nazionale.

“Da mesi – precisa Giuseppe Lanzafame, segretario Slp Cisl Sicilia – tutte le organizzazioni sindacali manifestano, organizzano sit-in, levano denunce sui media e anche coinvolgendo politici di maggioranza e opposizione, per scongiurare la svendita di Poste ribadita dal Governo ancora nel documento di programmazione presentato per il prossimo triennio”. 

Il sindacato dice no alla privatizzazione. “Chiediamo - spiega Lanzafame - un nuovo assetto per il settore della logistica e del recapito ma che sia sostenuto da investimenti e non da tagli”. Ma i motivi della protesta non finiscono qui. La Cisl contesta anche "i ritardi ingiustificati nella trasformazione da part time a full time di mille ragazzi; la spregiudicatezza con cui ci si vorrebbe disfare di servizi a basso reddito e dei piccoli uffici, nonostante la loro pubblica utilità; l'inesistenza di un piano di sviluppo che sia davvero tale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Sicilia, in base alle leggi sui servizi di pubblica utilità, puntualizza la Cisl, saranno aperti 44 sportelli su 900: per garantire servizi essenziali come l’accettazione, le raccomandate e i telegrammi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Sesso a 3 in strada davanti ai vigili: "Così passiamo la quarantena", denunciata giovane palermitana

Torna su
PalermoToday è in caricamento