Pochi impiegati e troppo lavoro, scatta lo sciopero alle Poste: "Stop agli straordinari"

A partire da domani e sino al 16 ottobre, in tutta la Sicilia i dipendenti non effettueranno le prestazioni aggiuntive. Lo annunciano i sindacati, che denunciano "la mancanza di personale agli sportelli e la carenza dei servizi"

Le Poste siciliane sono al collasso. La denuncia arriva da Cgil Slc, Cisl Slp, Failp Cisal, Confsal Comunicazioni e da Ugl Comunicazioni che hanno dichiarato lo sciopero delle prestazioni straordinarie e aggiuntive da domani, 23 settembre, sino al 16 ottobre.

“Non sono bastati i tavoli negoziali, incontri, segnalazioni - affermano i sindacati - assistiamo inermi ai tagli di risorse e alla superficialità nell’affrontare argomenti seri per la qualità del servizio e le condizioni di lavoro. Poche le risposte per colmare questo divario e disagio.  Purtroppo quindi siamo costretti a riprendere lo stato di agitazione”.

Le sigle sindacali sottolineano come sia stato tagliato oltre il 13% della forza lavoro in 2 anni in aggiunta alla diminuzione di risorse effettuata negli anni precedenti. “Le condizioni di lavoro sono gravi e insopportabili - aggiungono Cgil Slc, Cisl Slp, Failp Cisal, Confsal Comunicazione e da Ugl Comunicazioni - e questo si ripercuote negativamente sul personale e sulla qualità dei servizi. Nel settore postale aumenta il prodotto in relazione al volume dell’e-commerce ma diminuiscono i diritti e si annullano i contenuti degli accordi sottoscritti. Il risultato sono gli uffici postali senza operatori allo sportello, di cui deve farsi carico chi rimane, sopperendo alle carenze e sempre a rischio di azioni disciplinari ormai all’ordine del giorno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati chiedono che ci siano condizioni di serenità, di tutele, di chiare e semplici direttive. A conferma del clima che si respira negli uffici postali, le sigle sindacali citano un dato: “La disoccupazione giovanile - proseguono - nella nostra regione ha raggiunto percentuali allarmanti pari al 50%. Molti giovani laureati in prima battuta colgono l’opportunità di un lavoro a tempo determinato alle Poste italiane ma dopo qualche giorno rinunciano, perché non riescono a espletare i carichi di lavoro affidati dall’azienda. E' ora di cambiare marcia”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento