Giornale di Sicilia, confermati 31 esuberi: i poligrafici tornano a scioperare

La nuova protesta, iniziata ieri, andrà avanti anche oggi. L'Rsu: "L’azienda ha precluso ogni ulteriore possibilità di trattativa, presentando giorno 6 luglio la richiesta di esame congiunto finalizzata a porre tutti i lavoratori in cassa integrazione"

Poligrafici del Giornale di Sicilia di nuovo in sciopero da ieri e questa mattina niente quotidiano nelle edicole. La protesta, che andrà avanti anche oggi, è scattata dopo la decisione del gruppo Ses, titolare della maggioranza delle azioni de Giornale di Sicilia, di dichiarare l’esubero di 34 lavoratori (su 43), poi ridotti a 31 dopo un incontro con le organizzazioni sindacali. "L’azienda - comunica l'Rsu - ha precluso ogni ulteriore possibilità di trattativa, presentando giorno 6 luglio la richiesta di esame congiunto finalizzata a porre tutti e 31 i lavoratori in cassa integrazione". 

I lavoratori contestano con forza il piano presentato, le modalità di gestione degli esuberi e la riorganizzazione aziendale prospettata: "Questa azienda - spiegano in una nota - ha sottratto giorno dopo giorno lavorazioni spettanti esclusivamente al personale poligrafico, automatizzando alcune lavorazioni, esternalizzandone altre o addirittura eliminando interi settori, a discapito della qualità del prodotto, negando l’evidente attività volta a ridurre i costi di gestione solo attraverso una progressiva eliminazione del personale, e gravando sulla collettività mediante il ricorso agli ammortizzatori sociali. La carta stampata è in crisi, è vero, ma occorre un piano di rilancio che i lavoratori, dopo tante dichiarazioni di intenti, stanno ancora aspettando da diversi anni. L’unico piano di cui l’azienda sembra capace è quello di espellere i propri dipendenti, rendendo sempre più povero un quotidiano che ha fatto la storia della nostra Isola e della nostra città".

"Con questo piano - senza tener conto di quanto disciplinato dal contratto nazionale del lavoro di settore - si dichiara apertamente lo smantellamento di alcuni reparti - continua la nota - e la loro totale automazione o sostituzione con 'nuove tecnologie' che subentreranno ai lavoratori, trascurando che dietro a ogni lavoratore c'è una famiglia (che già dal 2016 è sottoposta a sacrifici con salario dimezzato dai contratti di solidarietà). Per tutti questi motivi i dipendenti del Giornale di Sicilia chiedono urgentemente un intervento delle istituzioni: "Ad oggi - concludono - solo il sindaco di Palermo non è rimasto sordo all’appello dei lavoratori convocando un incontro con le organizzazioni sindacali per domani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento