"Il rinnovo del contratto non viene applicato": la grande distribuzione sciopera

Circa 23 mila i lavoratori del settore nell'Isola a cui viene ancora applicato il contratto scaduto nel 2013. Scatta la protesta in piazzetta Bagnasco e in via Ruggero Settimo. I sindacati: "L'applicazione dei contratti collettivi è un obbligo indiscutibile"

Dopo gli edili e i precari della scuola, scioperano anche i lavoratori delle aziende aderenti a Distribuzione cooperativa e Federdistribuzione. Venerdì sono previsti sit in, dalle 9 alle 15, in piazzetta Bagnasco e in via Ruggero Settimo. La manifestazione è indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. Sono circa 23 mila i lavoratori interessati nell’Isola, mentre le insegne coinvolte sono quelle di Sma, Auchan, Zara, Oviesse, Upim, La Rinascente, Conbipel, Leroy Merlin, Limoni-La Gardenia, Ipercoop e Coop. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con lo sciopero - dichiarano i segretari generali di Filcams Cgil, Monja Caiolo, Fisascat Cisl, Mimma Calabrò e UilTuCS Uil, Marianna Flauto - si persegue la ripresa del tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto collettivo dei lavoratori Coop e si condanna l’imposizione unilaterale da parte di Federdistribuzione dell’applicazione di un contratto scaduto dal 2013". Nel 2015 il contratto è stato rinnovato ma, spiegano i sindacati, le aziende che aderiscono a Federdistribuzione continuano a rifiutarsi di applicarlo. "L’applicazione dei contratti collettivi nazionali da parte delle aziende e il riconoscimento dei relativi trattamenti economici e normativi – proseguono i sindacati - è un obbligo che non può essere messo in discussione dall’arroganza e dalla prepotenza. L’adeguamento del salario è un diritto sacrosanto per tutti i lavoratori, bisogna mettere in campo tutte quelle azioni affinché nel nostro territorio prevalga la legalità e vengano colpite tutte quelle situazioni di dumping che creano disequilibri e concorrenza sleale generando uno scenario in cui, alla precarietà del salario, si aggiunge la perdita di diritti, e rendendo l’economia siciliana ancora più povera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento