Pescano 700 ricci, ma arriva la guardia costiera: maxi multa per due palermitani

Sono stati fermati a Sciacca dopo la segnalazione di un cittadino. Sono scattate sanzioni per ottomila euro. Sequestrata anche tutta l'attrezzatura per la pesca sportiva

Parte dei ricci sequestrati

Due pescatori subacquei sportivi palermitani sono stati sorpresi dalla guardia costiera di Sciacca con settecento ricci di mare, una pesca che gli costerà cara: sequestro dell'attrezzatura e multa di ottomila euro. Nei guai F.M. e L.A., di 40 e 36 anni.

Sono stati fermati in contrada Renella. Oltre alla guardia costiera sono intervenuti anche i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sciacca. Determinante è stata la segnalazione di un cittadino. Secondo la normativa, ogni pescatore non può superare i 50 esemplari di ricci pescati. I 700 ricci di mare pescati dai palermitani sono stati rigettati in mare.

"Rimane alta l’attenzione da parte dei militare dell’ufficio circondariale marittimo di Sciacca in merito al controllo del territorio - si legge in una nota -  a tutela dell’ambiente marino e al contrasto alla pesca illegale, soprattutto per proteggere quelle specie marine che arricchiscono il nostro ecosistema e rendono uniche per bellezza le nostre coste. Si ringrazia, infine, la cittadinanza particolarmente sensibile al tema che con la segnalazione ha permesso di contrastare il fenomeno".

Fonte Agrigentonotizie.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento