Mare mosso a Trappeto, sergente della guardia costiera si tuffa e salva una donna

Doppio intervento della guardia costiera. Il militare fuori servizio è riscito a portare a riva una donna di 39 anni di Alcamo. Incrementato il servizio di vigilanza in prossimità del Ferragosto, con 2 mezzi nautici e 4 pattuglie

(foto archivio)

Due bagnanti salvati dalla guardia costiera. Risalgono a ieri i due interventi della guardia costiera che è riuscita a riportare a riva due persone che si trovavano in difficioltà nelle acque di Trappeto. I due eventi, "causati dall’imprudenza e dal mare agitato", non sono finiti nel peggiore dei modi grazie alla tempestività di due militari, uno dei quali fuori dal servizio, che si sono resi conto del pericolo e non hanno esitato a tuffarsi in mare e prestare immediata assistenza ai due vacanzieri.

L'intervento più rischioso risale a ieri sera, nei pressi del Lido Casello di Trappeto. Quando il sergente Danilo Sabato si è accorto del pericolo, si è lanciato in acqua senza pensarci due volte nonostante il mare agitato. Insieme al bagnino e al proprietario del lido sono riusciti a trarre in salvo una donna di Alcamo di 39 anni. Il soccorso è stato eseguito sotto il controllo della centrale operativa dell’Ufficio circondariale Marittimo di Terrasini allertato tramite il numero di emergenza in mare 1530.

Questo episodio va ad aggiungersi a quanto accaduto sempre nella mattinata di ieri a Trappeto, in un tratto di spiaggia sprovvisto del servizio di assistenza ai bagnanti, dove un altro militare ha dato aiuto a un uomo in difficoltà e alla sua famiglia. “Quel tratto di mare - spiegano dalla guardia costiera - rappresenta da sempre un pericolo per i bagnanti a causa delle forti correnti che generano le cosiddette ‘buche’. Per questo motivo, dal mese di agosto, è stato dislocato un mezzo nautico presso l’approdo di Trappeto con un servizio ad hoc per garantire maggiore sicurezza".

Per Ferragosto il servizio di sicurezza predisposto prevede due mezzi nautici in mare dalle 9 alle 19 e quattro pattuglie terrestri che vigileranno tutti i tratti di mare della giurisdizione di competenza. Verrà inoltre predisposto un servizio con le altre forze dell’ordine per evitare accampamenti in spiaggia, falò e attività pericolose per l’incolumità dei bagnanti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto "U Zu Totò", per 50 anni ha fritto panelle e crocchè accanto alla Fiera

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Era scomparso giovedì, 40enne ritrovato in centro: "Ha già abbracciato le sue bimbe"

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

  • Produce documenti falsi per percepire il reddito di cittadinanza: denunciato

Torna su
PalermoToday è in caricamento