Ristorante distrutto da un'esplosione, al via raccolta fondi per la riapertura di Verdechiaro

L'attività si trova in piazza Leoni e lo scorso 30 settembre il locale, che stava per essere riaperto dopo i lavori di ristrutturazione, è stato pesantemente danneggiato da una fuga di gas. La mobilitazione di amici e clienti: "Aiutiamo i proprietari"

L'esterno del ristorante

Si moltiplicano le iniziative di solidarietà in favore dei proprietari del ristorante Verdechiaro di piazza Leoni, distrutto da una fuga di gas lo scorso 30 settembre. L'attività era chiusa per ristrutturazione, ma i lavori erano quasi ultimati e stava per riaprire. Dopo Confcommercio, che ha mobilitato i soci per aiutare i colleghi, adesso anche semplici cittadini scendono in campo per aiutare i titolari, Nello e Daniela con una raccolta fondi su GoFundMe

Esplode bombola del gas in un ristorante“

“Chiediamo  - dicono i promotori dell'iniziativa - un sostegno concreto per ripartire al più presto con più grinta, sapore e bellezza di prima. Noi del team comunicazione, insieme ad amici, colleghi ed estimatori dello straordinario lavoro di Nello, Daniela e Alice, vogliamo supportarli nella riapertura di Verdechiaro. Una fuga di gas ha posto fine ai sogni di Nello e Daniela distruggendo quello che con fatica, amore e passione hanno costruito in questi anni”.

Il ristorante, aperto da 5 anni, è diventato uno dei riferimenti per chi ama la cucina vegetariana e vegana. 

Scoppia incendio al ristorante Verdechiaro | VIDEO

L'obiettivo della raccolta fondi è quello di fare un aiuto reale ai gestori e raggiungere 15 mila euro. “Un piccolo gesto da parte di tutti è estremamente importante” si legge nel testo. La campagna è raggiungibile al link www.gofundme.com/f/tutti-amano-verdechiaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento