Cartelle esattoriali con fotocopie e senza originali, giudice annulla pagamento

Il giudice di pace ha accolto il ricorso di una donna di Montelepre, alla quale Riscossione Sicilia aveva chiesto tremila euro per contravvenzioni elevate tra il 2005 e il 2010 perchè "è stato di fatto impedito l'accertamento della regolarità delle notifiche" 

Riscossione Sicilia allega solo le fotocopie delle cartelle esattoriali per infrazioni al codice della strada e il giudice annulla il pagamento. Un iter normale se non fosse che, nella produzione degli atti, Riscossione Sicilia - stando a quanto scritto nero su bianco dal Giudice di Pace di Palermo - sarebbe inciampata in un errore formale non da poco tanto da delegittimare il credito. 

E’ il 2009 quando M.T., originaria di Montelepre, riceve le prime cartelle esattoriali per delle sanzioni amministrative. Contravvenzioni, elevate tra il 2005 e il 2010 per un ammontare di circa 3.000 euro, per alcune infrazioni commesse a Palermo. Riscossione Sicilia, però, si sarebbe limitata a depositare le copie dei propri atti notificati, senza produrre le relative cartelle di pagamento. Questo, secondo il giudice che ha emesso la sentenza, ha di fatto impedito l'accertamento della regolarità delle notifiche. 

Gabriele Tarantino-2Le cartelle esattoriali che la donna, difesa dall’avvocato Gabriele Tarantino, avrebbe dovuto pagare al Comune di Palermo così passano a miglior vita. E’ lo stesso giudice di pace a specificare inoltre "che non è sufficiente ed efficace alcuna attestazione di conformità agli originali, perché la stessa è stata prodotta non solo da un soggetto non abilitato ma appartenente alla stessa azienda, essendo appunto un impiegato di Riscossione Sicilia". “L’attestazione di conformità all’originale può essere redatta da un pubblico ufficiale e tale non è di certo Riscossione Sicilia Spa né tantomeno lo sono i procuratori della stessa”, si legge nella sentenza.

Il giudice inoltre, nelle sue motivazioni, spiega anche che Riscossione Sicilia, non avendo depositato il preavviso di fermo amministrativo, ha di fatto impedito la verifica della corrispondenza. Ecco perché, una semplice fotocopia, non potendosi ritenere conforme all’originale non garantisce certezza del collegamento - e dunque dell’esistenza del credito - per queste cartelle di pagamento. A Riscossione Sicilia, in conclusione, è stato intimato di annullare il credito - con somma gioia della signora - e di pagare anche le spese di giudizio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Sempre errori su errori da questa Riscossione Sicilia.

  • Queste si che sono belle notizie che vorremmo sentire ogni giorno.

Notizie di oggi

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cronaca

    "Era ubriaco", Antonio Ingroia bloccato all'aeroporto di Parigi

  • Cronaca

    Il ritardo dell’aereo, lo scalo a Bergamo e il viaggio in pullman: 8 ore per raggiungere Venezia

  • Cronaca

    A maggio un piano straordinario per ripulire la città, si parte dalle periferie

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento