Ripetitore sospetto vicino casa del presidente Mattarella, indaga la Procura

Un congegno elettronico con due piccole antenne è stato trovato da un tecnico in una casetta dell’Enel. Accertamenti in corso per chiarire se si tratti di una microspia o di un ripetitore per potenziare il segnale di una linea internet

Il presidente Mattarella davanti alla sua abitazione

Un ripetitore sospetto nella cassetta dell’Enel sotto casa del presidente della Repubblica. La Procura indaga su un congegno elettronico trovato nelle scorse settimane da un tecnico della società che gestisce il servizio di erogazione dell’elettricità a pochi metri dall’abitazione di Sergio Mattarella. Si tratta di un apparecchio, come riporta La Repubblica Palermo, con due piccole antenne, capace di ricevere segnali e trasmetterli a distanza.

Di fronte a quella presenza anomala il tecnico che era impegnato in alcuni lavori di manutenzione ha presentato denuncia alle forze dell'ordine. Appresa la notizia La Procura ha aperto un’indagine, coordinata dall’aggiunto Marzia Sabella. I primi accertamenti avrebbero però già escluso che possa trattarsi di un apparecchio utilizzato per spiare il capo dello Stato. Un’altra ipotesi è che possa essere un semplice ripetitore per internet.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Davide
    Davide

    Sarà sicuramente di Putin e Trump per spiare l'italia... Io ho un ripetitore wifi dove ci sono i contatori, semplicemente per vedere online la produzione dei pannelli solari, niente di 007 o spionaggio condominiale!

  • Ripetitore per internet in una cassetta ENEL? E poi, cosa dovrebbero spiare? In Procura si è messi maluccio a quanto pare...

Notizie di oggi

  • Politica

    "Governo parallelo basato su favori, amici e nemici": l'Antimafia disegna il sistema Montante

  • Politica

    Decreto Sicurezza, Orlando aggira gli uffici: avanti con le pratiche di residenza ai migranti

  • Politica

    Sgombero immediato per le case abusive in zone a rischio, via i sindaci che non applicano la legge

  • Cronaca

    "Dal totonero alle scommesse on line", così Splendore è diventato il "re" del gioco

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento