Don Minutella annulla il maxi raduno degli ultra-cattolici a Verona

Sarebbe dovuta partire dal Veneto la "resistenza cattolica" conservatrice del parroco palermitano, ma la riunione fissata per sabato è stata rinviata a data da definire: "Pesanti possibili sanzioni comminate a tutti i partecipanti"

Si sarebbe dovuto svolgere sabato prossimo, 22 aprile, al PalaFerroli di San Bonifacio - in provincia di Verona - dalle 13.30 alle 17.30 e invece non ci sarà. Don Alessandro Minutella, prete palermitano lontano dalla visione di Papa Francesco della chiesa cattolica, attraverso Radio Domina Nostra aveva lanciato il raduno della resistenza cattolica. La chiesa di Bergoglio è stata definita da don Minutella: "Un falso modello di chiesa. Una chiesa confusa, bizzarra, persino stravagante e a tratti ridicola".

Per le sue posizioni estreme, don Minutella rischia di perdere la guida della parrocchia palermitana dove svolge le sue funzioni. E il rischio di "pesanti possibili sanzioni comminate a tutti i partecipanti", come si legge sulla pagina Facebook di Radio Domina Nostra, ha spinto l'organizzatore a rinviare il raduno di sabato a San Bonifacio.

"È stato volutamente frainteso e interpretato come atto scismatico - si legge ancora sulla pagina di Radio Domina Nostra -. È una scelta del don, che paga di persona peraltro la propria coraggiosa testimonianza in difesa della sana dottrina cattolica e non vuole esporre anche i fedeli a tali ingiuste e malevoli interpretazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Via Marchese di Roccaforte, comprano borragine ma è mandragora: gravi madre e figlia

Torna su
PalermoToday è in caricamento