La bellezza vista dai piccoli rifugiati siriani, il progetto di un fotografo palermitano

Charley Fazio ha dato ai bambini di Kilis, al confine tra la Turchia e la Siria, una macchina fotografica istantanea. Gli scatti che ne sono nati saranno venduti e il ricavato andrà in beneficenza

Ha consegnato dei pupazzi e una macchina fotografica istantanea ai bambini siriani rifugiati a Kilis, una località al confine tra la Turchia e la Siria ed ha chiesto loro di immortalare la bellezza. Il risultato sono una serie di bellissimi scatti presto in mostra. L'ideatore del progetto è Charley Fazio, fotografo palermitano laureato in geologia, da anni membro dall’associazione Speranza - Hope For Children Onlus. 

"Volevo fare un reportage - racconta a Palermotoday il fotografo - e così ho contattato l'associazione trentina, nata nel 2014. Ho iniziato il mio lavoro a febbraio dell'anno scorso in concomitanza con gli sbarchi. Poi a luglio, durante l'ennesima missione, ho deciso di coinvolgere i bambini. Ho pensato fosse bello fargli vedere come nasce uno scatto. Volevo inoltre capire cosa fosse per loro, che sono scappati dalla guerra, la bellezza".

Charlie fazio-2A Kilis ci sono 100mila rifugiati tra tendopoli e famiglie che vivono in case fatiscenti più simili a dei garage che a delle abitazioni. "In ognuna di queste case vivono famiglie - continua Fazio - con tanti figli, spesso nati dall'unione tra consanguinei, affetti da autismo o nanismo o altri problemi". Si tratta di bambini con un vissuto difficile che prematuramente sono stati costretti a conoscere la morte. Fazio ha messo nello loro mani la sua macchina fotografica e dopo aver spiegato loro come usarla gli ha chiesto di scattare. "Le foto che ne sono venute fuori sono imperfette - afferma - ma tutto questo contribuisce a dargli valore. Gli scatti verranno analizzati da una psicologa e saranno dunque lo strumento per effettuare uno studio sugli effetti della guerra su questi bambini".

Si tratta di 30 immagini, realizzate anche grazie alle pellicole donate a Fazio da Davide Guadagna. Dopo essere state esposte in diversi luoghi, saranno vendute. Probabilmente sarà Voghera la prima città ad ospitare la mostra organizzata da CulturAma associazione culturale polivalente. Il ricavato andrà in beneficenza. Servirà ad aiutare importanti progetti curati dall’associazione Speranza - Hope For Children Onlus che ha già realizzato un asilo a Kilis. In mostra, con lo stesso scopo, ci saranno anche le opere del fotografo palermitano. Kilis ha realizzato anche due video racconti sui piccoli rifugiati siriani. L'ultimo è "Città di polvere" con la voce di Giancarlo Cattaneo e le musiche origionali del maestro Antonio Vasta. "Le immagini - conclude il fotografo - sono state realizzate con delle telecamere nascoste e con le mie foto. Il prossimo 26 gennaio molto probabilmente lo presenterò a Casa Minutella". 

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

Torna su
PalermoToday è in caricamento