La bellezza vista dai piccoli rifugiati siriani, il progetto di un fotografo palermitano

Charley Fazio ha dato ai bambini di Kilis, al confine tra la Turchia e la Siria, una macchina fotografica istantanea. Gli scatti che ne sono nati saranno venduti e il ricavato andrà in beneficenza

Ha consegnato dei pupazzi e una macchina fotografica istantanea ai bambini siriani rifugiati a Kilis, una località al confine tra la Turchia e la Siria ed ha chiesto loro di immortalare la bellezza. Il risultato sono una serie di bellissimi scatti presto in mostra. L'ideatore del progetto è Charley Fazio, fotografo palermitano laureato in geologia, da anni membro dall’associazione Speranza - Hope For Children Onlus. 

"Volevo fare un reportage - racconta a Palermotoday il fotografo - e così ho contattato l'associazione trentina, nata nel 2014. Ho iniziato il mio lavoro a febbraio dell'anno scorso in concomitanza con gli sbarchi. Poi a luglio, durante l'ennesima missione, ho deciso di coinvolgere i bambini. Ho pensato fosse bello fargli vedere come nasce uno scatto. Volevo inoltre capire cosa fosse per loro, che sono scappati dalla guerra, la bellezza".

Charlie fazio-2A Kilis ci sono 100mila rifugiati tra tendopoli e famiglie che vivono in case fatiscenti più simili a dei garage che a delle abitazioni. "In ognuna di queste case vivono famiglie - continua Fazio - con tanti figli, spesso nati dall'unione tra consanguinei, affetti da autismo o nanismo o altri problemi". Si tratta di bambini con un vissuto difficile che prematuramente sono stati costretti a conoscere la morte. Fazio ha messo nello loro mani la sua macchina fotografica e dopo aver spiegato loro come usarla gli ha chiesto di scattare. "Le foto che ne sono venute fuori sono imperfette - afferma - ma tutto questo contribuisce a dargli valore. Gli scatti verranno analizzati da una psicologa e saranno dunque lo strumento per effettuare uno studio sugli effetti della guerra su questi bambini".

Si tratta di 30 immagini, realizzate anche grazie alle pellicole donate a Fazio da Davide Guadagna. Dopo essere state esposte in diversi luoghi, saranno vendute. Probabilmente sarà Voghera la prima città ad ospitare la mostra organizzata da CulturAma associazione culturale polivalente. Il ricavato andrà in beneficenza. Servirà ad aiutare importanti progetti curati dall’associazione Speranza - Hope For Children Onlus che ha già realizzato un asilo a Kilis. In mostra, con lo stesso scopo, ci saranno anche le opere del fotografo palermitano. Kilis ha realizzato anche due video racconti sui piccoli rifugiati siriani. L'ultimo è "Città di polvere" con la voce di Giancarlo Cattaneo e le musiche origionali del maestro Antonio Vasta. "Le immagini - conclude il fotografo - sono state realizzate con delle telecamere nascoste e con le mie foto. Il prossimo 26 gennaio molto probabilmente lo presenterò a Casa Minutella". 

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

Torna su
PalermoToday è in caricamento