Abbandona scarti animali e alimentari in via Galletti: maxi multa per un corriere

Scaricati al confine tra Villabate e Palermo diversi scatoloni con rifiuti in stato di decomposizione. Dopo la segnalazione della Rap, la polizia municipale è riuscita ad individuare la ditta responsabile: comminata un'ammenda da 1.200 euro

Gli scarti animali abbandonati in via Galletti

Sabato scorso ha abbandonato diversi scatoloni con scarti animali e alimentari in stato di decomposizione, in via Galletti. Per questo un corriere, proveniente da Villabate, si è beccato una multa di 1.200 euro. Dopo la segnalazione della Rap, il nucleo tutela e decoro vivibilità ed igiene urbana ha svolto un sopralluogo sul posto ed individuato la ditta responsabile non solo di aver gettato i rifiuti per strada ma anche di aver messo in pericolo l'ambiente e la salute delle persone.

"Quest'ultimo rinvenimento di rifiuti proveniente da comuni limitrovi - afferma la Rap - conferma purtroppo il trend di "migrazione" riscontrato da quando in diversi comuni della cintura urbana è stata avviata la raccolta differenziata. I siti della città maggiormente esposti a questo fenomeno sono quelli appunto limitrofi ai comuni confinanti con Palermo, quindi via Galletti e via Guglielmini (lato Villabate) a Sud e la zona della “linea Parco dei Principi" e Sferracavallo (lato Isola delle Femmine - Carini) a Nord. A queste ultimamente si è aggiunta anche l'area confinante con Monreale dove si sono formate alcune discariche abusive".

Per questo motivo, secondo l'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti, nonostante la raccolta differenziata in città sia cresciuta non è diminuito il conferimento di indefferenziato a Bellolampo che si attesta comunque intorno alle mille tonnellate. "Lungo la zona del Parco dei Principi ad esempio, fra il 14 e il 15 luglio - spiega l'azienda - sono stati necessari, a distanza di meno di 24 ore l'uno dall'altro, due interventi con pala meccanica per la rimozione dei rifiuti conferiti fuori o peggio ancora lontano dai cassonetti".

Nel 2017 sono stati circa 260 i verbali (per circa 60 mila euro) elevati dalla Unità operativa del nucleo tutela e decoro vivibilità ed igiene urbana della polizia municipale proprio nelle aree perifiche della città confinanti con altri ocmuni, oltre a circa 500 verbali (pari a 83 mila euro) e il sequestro di 11 mezzi per l'abbandono o il trasporto illecito di ingombranti.

"Questi comportamenti illeciti e scorretti - conclude la Rap - determinano un aggravio di costi per l'azienda, oltre che evidentemente un danno d'immagine per la città, nonché una difficoltà operativa dettata dalla necessità di continui interventi straordinari e con mezzi pesanti". "Siamo di fronte a comportamenti gravi e sconsiderati - afferma il sindaco Leoluca Orlando - rispetto ai quali, in sinergia con la Rap e con il Comando di via Dogali stiamo preparando nuove iniziative di contrasto, prevenzione e repressione, che saranno annunciate nei prossimi giorni". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Nome della ditta!

  • se non paga la multa sequestro mezzo per un annetto cosi vedi come paga

  • 1200€ sono pochi dovevano fare 12000€ solo cosi avrebbe imparato la Lezione perche questi scatoloni dovevano andare alla discarica di competenza che si occupa di scarti animali

  • La pagherà subito, la multa

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente sulla Palermo-Catania, camion vola giù dal viadotto dopo scontro con auto: un morto

  • Cronaca

    Spacciavano crack nel "palazzo di ferro" a tutte le ore e davanti ai bambini: 8 arresti

  • Sport

    Colpo di scena, Mirri ci ripensa: 2,8 milioni nelle casse del Palermo, -4 scongiurato

  • Cronaca

    Stroncato da un infarto mentre è in bici: morto avvocato palermitano

I più letti della settimana

  • "Figurati se prendiamo una da Palermo", mail inviata per errore scatena polemica

  • Video porno con ragazzine dietro la scomparsa: "Maiorana morti per i ricatti che il padre organizzava"

  • La nuova mafia a Palermo, ecco chi comanda: "Quindici mandamenti gestiti da 81 famiglie"

  • Spaccio alimentare, filiali chiuse a Palermo: "Stipendi in ritardo, famiglie nel dramma"

  • Assalto al reddito di cittadinanza: a Palermo boom di finti divorzi per scroccare il sussidio

  • Ripetitore sospetto vicino casa del presidente Mattarella, indaga la Procura

Torna su
PalermoToday è in caricamento