Bellolampo, l'assessore Pierobon: "Stiamo normalizzando il settore dei rifiuti"

Così l’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità ha commentato la notizia che Rap subentrerà a una società privata nella gestione dei rifiuti ai Comuni della provincia di Palermo

Alberto Pierobon
“Abbiamo messo a posto un altro tassello nel processo di normalizzazione della gestione dei rifiuti in Sicilia. Seguiranno nuove fasi per uscire da un’emergenza perenne nel rispetto della linea politica stabilita dal governo Musumeci che intende riequilibrare il rapporto tra pubblico e privato nel settore”. Lo afferma l’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, commentando la notizia che Rap subentrerà a una società privata nella gestione dei rifiuti ai Comuni della provincia di Palermo.

“È il risultato di un lungo lavoro andato avanti per mesi – spiega Pierobon – che ha visto seduti intorno al tavolo tecnico creato in assessorato tutti i soggetti interessati: dipartimento, Comune di Palermo, Rap, SRR, ex Provincia, per discutere della non semplice questione della titolarità delle aree, della sesta vasca in esaurimento e delle strategie da adottare anche in vista dei lavori da avviare alla settima vasca. Ieri il dipartimento Acque e rifiuti diretto da Salvo Cocina ha definito gli ultimi adempimenti garantire il servizio ai cittadini dei Comuni del Palermitano senza soluzione di continuità e in maniera struttura. Il gestore dell’impianto  privato continuerà la propria  attività fino al 31 maggio. Poi la Rap dovrà sostituirla nelle attività dotandosi di un altro impianto di trattamento Tmb per far fronte ai fabbisogno del territorio palermitano. Nelle more che venga espletata la procedura, che dovrebbe risolversi nell’arco di tre mesi, i Comuni più a ovest verranno dirottati verso la piattaforma di trasferenza di Alcamo più vicina geograficamente, mentre gli altri enti della provincia saranno accolti dalla stessa Rap per un totale di 100 tonnellate al giorno”. 

Quindi Pierobon conclude: “Abbiamo lavorato a lungo confrontandoci su tutti gli aspetti, in sintonia col Comune, pungolando di continuo tutti per arrivare al risultato entro maggio, nel rispetto della linea strategica stabilita da questo Governo che rimette al centro l’interesse pubblico”.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

Torna su
PalermoToday è in caricamento