Reset, sindacati verso lo sciopero generale: "Subito il passaggio a 40 ore settimanali"

Le segreterie di Ursas, Alba e Usb chiedono "il ripristino di tutti gli istituti connessi alla normale applicazione del contratto di lavoro, sia sotto il versante economico sia normativo”

Nessun passo in avanti nel dialogo tra Reset e sindacati e scatta la protesta. Le segreterie di Ursas, Alba e Usb, guidate da Pietro La Torre, Maurizio Bongiovanni e Sandro Cardinale, hanno definito il programma di iniziative che porterà alla protesta e annunciano uno sciopero generale entro la fine di gennaio. La data più accreditata è quella del 15 gennaio.

In un’assemblea alla quale hanno partecipato oltre 400 lavoratori, i sindacati autonomi hanno deciso che in assenza di concreti riscontri si procederà con uno sciopero generale dei lavoratori Reset entro il corrente mese “e comunque secondo le tempistiche che scaturiranno anche dalle interlocuzioni avviate e dal confronto con le altre organizzazioni”. Lo sciopero ha la finalità di “sostenere la vertenza per il passaggio immediato dei lavoratori a 40 ore settimanali e per il ripristino di tutti gli istituti connessi alla normale applicazione del contratto di lavoro, sia sotto il versante economico che normativo”.

I sindacati ritengono “indispensabile attivare anche la cosiddetta mobilità interaziendale con tutte le società partecipate del Comune a cominciare dalla Rap, le cui carenze d’organico sono ampie e certificate rappresentando da sola, sia sotto il profilo dei servizi da rendere alla città, che da quello puramente numerico, una quantificazione minima di trecento unità lavorative. Le segreterie che su tale argomento hanno già incontrato il vicesindaco e assessore alle Partecipate, Sergio Marino, nelle settimane passate, dovendo acquisire le risposte che l’assessore si era impegnato a fornire su tale materia, si sono autoconvocate per il 10 gennaio a Villa Trabia. In assenza di riscontro hanno comunque pianificato alcune giornate successive di presidio dell’assessorato. Rimangono inoltre al centro della vertenza i temi della liquidazione della retribuzione di dicembre non ancora saldata ai lavoratori, aspetto su cui si evidenzia ancora una volta la diversificazione di trattamento con le altre partecipate, il pagamento delle rate di tfr arretrate e la problematica delle festività soppresse impropriamente pianificate, ai fini della fruizione, dall’impresa. Quindi resta da discutere il tema dell’organizzazione del lavoro e quindi di una razionalizzazione dell’uso delle consistenti risorse impegnate nelle prestazioni straordinarie da utilizzare dopo il raggiungimento del normale orario di lavoro a 40 ore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • Incidente a Partinico, perde il controllo dello scooter e cade: morto 21enne

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento