Panettiere del Villaggio diventa eroe a Marsiglia: "Cucino cibo palermitano per gli ospedali"

Renzo Ballotta da 7 anni vive in Francia: per colpa del Coronavirus il suo ristorante siciliano è stato costretto a chiudere. Ma lui non si è fermato: "Ai medici francesi - dice a PalermoToday - porto gratis pasta con le sarde, anelletti al forno e tanta pizza al taglio"

Nella foto i medici dell'ospedale di Marsiglia dopo aver ricevuto il cibo da Ballotta

Aveva mollato Palermo per volare a Marsiglia per cercare fortuna. L’arte della panificazione imparata nel panificio di famiglia al Villaggio Santa Rosalia l’aveva portata con sé fino in Francia. Così Renzo Ballotta, in questo periodo di emergenza sanitaria mondiale in cui anche il suo ristorante di cucina tipica siciliana in Costa Azzurra è stato costretto a chiudere, ha pensato di non fermarsi e di offrire pizza e pasta gratis ai medici francesi che per ora lavorano senza sosta negli ospedali curando i malati di Coronavirus. 

L’ex fornaio palermitano, 47 anni, una moglie e due figli adolescenti, vive nella città transalpina da 7 anni. Il 14 marzo anche in Francia arriva il lockdown. Il suo ristorante, Pizze & Sfizi, è costretto a fermarsi come tutti gli altri. “A quel punto mi è venuta l’idea - spiega a PalermoToday -. Mentre molti hanno preferito chiudere, io ho pensato che avrei potuto continuare a lavorare per regalare ai vari reparti marsigliesi impegnati in prima linea per combattere il Coronavirus il nostro cibo tipico”.

Più di quaranta pizze al giorno, altrettanti piatti di pasta fresca a medici e infermieri. Un modo per portare un po’ di Sicilia nelle corsie degli ospedali. “Pasta con le sarde, anelletti al forno, pasta col broccolo in tegame e soprattutto pizza, ma quella al taglio, che praticamente qui neppure sanno cosa sia - precisa ancora Ballotta -. Alcune signore volevano darmi soldi, ma non ho accettato. Il mio è un gesto di solidarietà, vicinanza a tutti quegli uomini e quelle donne che in questo momento stanno affrontando una guerra silenziosa. Oltre a medici e infermieri, ci sono anche i pompieri che in Francia hanno le stesse funzioni della polizia municipale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre Marsiglia resiste, essendo una delle città francesi meno toccate dal virus, la cittadina che profuma di lavanda va alle cronache mondiali grazie al dottor Didier Raoult che dall’istituto ospedaliero-universitario Mediterrannée Infection che dirige lancia la clorochina, un vecchio farmaco anti-malarico che potrebbe diventare una miracolosa cura contro il Covid-19 facendo gola persino a Trump. “Abbiamo donato anche al suo ospedale - conclude Ballotta -. Sono fiero di questo perché Marsiglia è molto simile a Palermo, stesso golfo, stesso sole, stesso calore e generosità. Io a Marsiglia mi sento a casa, ma se fossi stato a Palermo lo avrei fatto per la mia città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

  • Incidente in autostrada, si ribalta un tir a Carini: lunghe code

Torna su
PalermoToday è in caricamento