L'uomo che catturò Provenzano, Renato Cortese nuovo questore di Palermo

Lascia il suo incarico di direttore dello Sco e prende il posto di Guido Nicolò Longo. La nomina arriva dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro dell'interno Marco Minniti. Era a capo della Catturandi quando fu arrestato il boss

Renato Cortese - foto Ansa

Renato Cortese è il nuovo Questore di Palermo. Si insedierà negli uffici di piazza della Vittoria dal prossimo 1 marzo. Cortese lascia così il suo incarico di direttore dello Sco, il Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine. Al suo posto subentra Alessandro Giuliano fino ad oggi Questore di Lucca. Cortese prende il posto di Guido Nicolò Longo, 63 anni, dirigente generale di polizia, che è stato nominato prefetto di Vibo Valentia. La nomina arriva dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro dell'interno Marco Minniti.

Quello di Cortese è un nome legato a doppio filo con la Sicilia: c'era lui a capo della sezione catturandi l'11 aprile 2006, quando a Corleone fu catturato il superboss Bernando Provenzano. Una laurea in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma e una carriera in Polizia, dove è entrato nel 1991, sempre in prima linea: prima di dirigere la squadra mobile di Reggio Calabria, è passato per il Servizio centrale operativo e ha guidato la sezione catturandi della Mobile di Palermo. Nel 2012 è diventato capo della mobile di Roma, poi è stato messo a capo del Servizio Centrale della polizia.

In Sicilia, coi suoi uomini, ha scovato ricercati del calibro di Gaspare Spatuzza, Enzo e Giovanni Brusca, Pietro Aglieri, Benedetto Spera e Salvatore Grigoli. Ma la preda più ambita resta senza dubbio il padrino di Cosa nostra, acciuffato dopo 43 anni di latitanza e dopo 42 giorni e notti d’appostamenti e otto anni di indagini massacranti.

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Sarà il turno di Messina Denaro?

  • Grande uomo dello Stato... sono convinto che darà un duro colpo alla mafia e, magari chissà, un giorno, ci libererete da questa peste che ci affligge da secoli...

  • Buon lavoro...qui a palemo c'è tanta immondizia da togliere...

    • Avatar anonimo di Piero di noia
      Piero di noia

      La mafia è questione di cultura di un popolo...la sicilia è connivente da sempre.loro hanno saputo adattarsi alle varie politiche loro hanno abbandonato il regno dele due sicile e sono pasasati sotto il regno sabaudo..nel lontano 1861..da loro è coniato il termine Gattopardo....tutte le polizie che vuoi non setve per cambiare ina società. .

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Partinico, con la moto contro un autoarticolato: morto palermitano

  • Mafia

    "Coca alla senape, una guardia al soldo", u Panda svela i segreti del traffico di droga

  • Cronaca

    Il questore Guido Longo saluta Palermo: "La città si è svegliata, ma la mafia c'è ancora"

  • Elezioni comunali 2017

    Forello presenta il programma, attivisti e candidati grillini puliscono Sant'Erasmo

I più letti della settimana

  • Disabili dimenticati, Pif urla contro Crocetta: "Siamo incazzati, si dimetta"

  • Lettera dall'inferno: "Torturato al Pagliarelli dai secondini, ora mi ammazzo"

  • "Mi ha minacciato": dj Sasà Taibi denuncia Francesco Benigno

  • Campo nomadi al setaccio, arrestato un latitante: dodici auto sequestrate

  • Mafia, si pente Giovanni Vitale: "Voglio cambiare vita e vi dico chi paga il pizzo"

  • Omicidio ad Alimena, la festa al bar e le botte alle nipoti: "Così ho strangolato mio figlio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento