"Vogliamo il nuovo contratto e le promozioni", scioperano i dirigenti regionali

Direttori di terza fascia in marcia sotto Palazzo d'Orleans. Chiedono la modifica delle condizioni di lavoro con il passaggio alla seconda fascia e contestano la proposta fatta dal governo e dall'Aran

I dipendenti regionali hanno ottenuto il rinnovo del contratto mentre chi è più alto in grado ha ricevuto un "no" alle richieste avanzate. Così mercoledì i dirigenti della Regione si fermeranno. Per la prima volta i circa 1.500 direttori di terza fascia sciopereranno e marceranno sotto Palazzo d'Orleans. Chiedono il rinnovo del contratto (fermo al 2006) con il passaggio alla seconda fascia e contestano la proposta fatta dal governo e dall'Aran.

La proposta di rinnovo presentata dall'Agenzia per la contrattazione nel pubblico impiego su input del governo è stata respinta da quasi tutte le sigle sindacali, in particolare Cobas, Sadirs, Siad, Dirsi e Ugl. Adesso la protesta.

"Fino all'ultimo - dice Fabrizio Masi del Cobas - abbiamo atteso che arrivasse un segnale dal governo e dall'Aran. Ma non c'è stato alcun gesto che lasciasse intendere la volontà di ricomporre la frattura. La proposta che ci è stata fatta è irricevibile. Ci viene chiesto di accettare aumenti medi di 209 euro lordi al mese senza arretrati malgrado il contratto non venga rinnovato da ben 14 anni".I sindacati poi vorrebbero "il passaggio di tutti i dirigenti dalla terza alla seconda fascia"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

  • Incidente nella notte ad Altofonte, scontro frontale tra auto: morto 31enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento