Formazione e fondi extrabudget, condanna milionaria per Monterosso

Lo ha stabilito la sezione d'Appello della Corte dei Conti, che ha condannato il segretario generale della Regione per l'utilizzo delle risorse aggiuntive rispetto al Piano regionale della formazione professionale del 2007. Dal Codacons: "Non basta restituire i soldi, si dimetta"

Dirigente regionale dovrà restituire 1,3 milioni di euro all’Amministrazione. La sezione d’Appello della Corte dei Conti ha confermato la condanna per il segretario generale della Regione Patrizia Monterosso per la vicenda sugli extrabudget della Formazione, ovvero delle risorse aggiuntive rispetto a quelle previste dal Piano regionale della formazione professionale del 2007. Contestualmente i giudici hanno accolto il ricorso dell’ex governatore Raffaele Lombardo. “La restituzione dei soldi non basta. Le chiediamo - dichiara Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons - di dimostrare dignità e rispetto verso i siciliani rassegnando immediatamente le dimissioni”.

Una sentenza che ha fatto tuonare il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars, che dopo aver appreso la notizia si è scagliato contro il presidente Crocetta: "Un altro pezzo del cerchio magico è andato in frantumi. Crocetta prenda atto del fallimento totale della sua azione e dell'inadeguatezza della gente di cui si è circondata". "Contestiamo da tempo - spiega il deputato Giorgio Ciaccio - la presenza della dirigente ai piani alti della Regione: è eticamente inaccettabile. La sentenza definitiva della magistratura contabile ora mette il sigillo sulla questione. Altro che multa, come diceva Crocetta, un milione e trecentomila euro per le casse della Regione sono un danno tutt'altro che trascurabile”.

Ieri i pentastellati hanno chiesto al presidente Giovanni Ardizzone di discutere la mozione presentata per rimuovere dall’incarico Patrizia Monterosso. "Ho chiesto ad Ardizzone –- aggiunge Ciaccio - di prelevare il punto, ma non ha voluto farlo, aggrappandosi alla plateale scusa dell'esistenza di un calendario di lavori già approvato in conferenza dei capigruppo. Motivazione che non regge per nulla, visto che il presidente ha chiuso i lavori dell'aula alle 17 e c'era tutto il tempo per discutere l'atto". "La sentenza certifica - ha proseguito il segretario nazionale del Codacons - l’uso scriteriato che i politici fanno dei soldi pubblici. Mentre le famiglie siciliane si impoverivano con la crisi, loro utilizzavano i fondi pubblici in modo del tutto improprio, sottraendo risorse alla collettività”.

Potrebbe interessarti

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

  • Come conservare il cibo, ecco i 10 alimenti che vanno tenuti (sempre) fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • Medaglie d'Oro, "trasmetteva" Sky (quasi) gratis: nella stanza da letto 57 decoder e 187 mila euro

  • Mafia, blitz tra Palermo e New York: i nomi degli arrestati

  • Prima il malore in casa, poi l'incidente in auto durante la corsa in ospedale: morto 51enne

  • Lo Stato mette in (s)vendita i suoi tesori: ci sono 36 case in viale del Fante

Torna su
PalermoToday è in caricamento