Colpo "silenzioso" alle Poste: rapinatore svuota le casse, ma se ne accorgono in pochi

E' successo nell'agenzia di via Gaspare Palermo, non lontano dalla stazione centrale. Il racconto di una testimone a PalermoToday: "Era a volto scoperto, ha fatto tutto con calma e poi se n'è andato a piedi verso via Marinuzzi..."

Le Poste di via Palermo

Una rapina silenziosa. Al punto che alcuni utenti in fila non se ne sono nemmeno accorti. Così un giovane malvivente questa mattina ha assaltato l'ufficio postale di via Gaspare Palermo, nella zona della stazione centrale. Erano più o meno le 10.15. E come sono andate le cose lo racconta direttamente chi ha vissuto quei momenti. "E' arrivato un ragazzo magro con una maglietta beige e un cappellino chiaro - dice una testimone a PalermoToday -. Era a volto scoperto e dopo essere arrivato al di là del bancone, senza comunque scavalcare, ha prelevato i soldi da alcuni cassetti e li ha fatti entrare in un sacchetto della spesa".

Un'azione fulminea che è durata dai due ai tre minuti. Un colpo silenzioso, perché in tanti non si sono accorti di nulla. Gli impiegati, quattro in tutto, erano fermi e non hanno ostacolato il raid, forse per non allarmare i presenti, "anche perché il rapinatore poteva essere armato - è la spiegazione che dà chi ha assistito al colpo in diretta -. A un certo punto una dipendente che era alla cassa è scoppiata a piangere. Lui ha fatto tutto con calma e tranquillità senza farsi distrarre da nulla. Appena ha finito è uscito dalla porta di sicurezza e si è incamminato con passo svelto verso via Marinuzzi. Era a piedi, non se ad aspettarlo c'era qualcuno all'esterno".

Subito dopo gli impiegati dell'ufficio postale hanno bloccato i terminali e fatto uscire gli utenti. Sul posto sono piombate anche la polizia e i carabinieri, che stanno indagando sul colpo. Il bottino è da quantificare. Non si tratta della prima volta che l'ufficio postale di via Gaspare Palermo viene preso d'assalto, già in passato finito nel mirino dei rapinatori.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Paura Coronavirus a Partinico, studentessa arrivata da Shanghai: "Trattata come una minaccia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento