Titolare immobilizzato e chiuso in bagno, colpo da 516 mila euro: condannato palermitano

Rapina in un laboratorio orafo. Michele Dia, 43 anni, è stato condannato con il rito abbreviato a 7 anni e 2.200 euro di multa. Faceva parte di una banda che era entrata fingendo di essere una pattuglia della guardia di finanza

Rapina, sequestro di persona, detenzione e uso di pettorine e tesserino di riconoscimento apparentemente appartenenti alla guardia di finanza. Michele Dia, palermitano di 43 anni, è stato condannato con il rito abbreviato a 7 anni e 2. 200 euro di multa (con interdizione perpetua dai pubblici uffici). Il colpo è stato messo a segno in un laboratorio orafo di Grosseto il 4 febbraio 2014 e fruttò ben 561mila euro di oggetti in oro presi dalle vetrine e dalla cassaforte. Come si legge sul Tirreno entrano in azione in tre mentre un quarto faceva funzioni di palo.

"I banditi - si legge sul Tirreno - avevano immobilizzato il titolare, mani e piedi bloccati con delle fascette di plastica e pellicola adesiva di alluminio, e l’avevano imbavagliato, per poi chiuderlo a chiave nel bagno. Chiusa anche una cliente nel frattempo sopraggiunta, cui era stata portata via la borsa. Quindi la Procura ha contestato anche il doppio sequestro di persona. Per i due coimputati iniziali, Giuseppe Vella e Antonio De Muzio, ci sarà il giudizio davanti al collegio del Tribunale. I tre erano stati tutti arrestati in seguito alle indagini della squadra mobile, su ordinanza di custodia cautelare eseguita nel dicembre 2016: un riscontro investigativo era giunto dalla rapina in banca del 30 luglio 2014 a Bassano Romano, effettuata con modalità analoghe e con sequestro di materiale molto simile a quello di Grosseto: erano stati fermati e denunciati Vella e Di Muzio". 

Al momento in cui i falsi finanzieri erano entrati in azione, apparentemente per un controllo, nel laboratorio c’erano anche un rappresentante e un cliente, fatti allontanare. "Rimasti soli - si legge sul Tirreno - il titolare era poi stato ammanettato e legato. Nel bagno era poi finita anche una cliente entrata in seguito. Il primo cliente, insospettito, aveva chiamato la guardia di finanza, mentre la cliente rimasta dentro era riuscita a liberarsi e a dare l’allarme al negozio vicino: ma la Volante della polizia di stato riuscì solo a trovare il materiale abbandonato dai malviventi fuggiti con il bottino (fascette, manette, il rotolo di pellicola adesiva). La scientifica era riuscita a trovare un’impronta digitale che però non era stata attribuita ad alcuno degli imputati.  La consistenza del traffico telefonico fra i tre nelle ore precedenti e successive al colpo ha indotto il gup a ritenere che nel periodo intermedio i tre fossero insieme".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento nubifragio si abbatte su Palermo, strade allagate e città sott'acqua

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Rientra verso il b&b ma si perde e chiede indicazioni, turista picchiato e rapinato

  • Il principe Don Jaime di Borbone si sposa: nozze reali a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento