"I picciuli o ti finisci male": incappucciati, con pistola e accetta rapinano distributore di benzina

Una banda composta da quattro banditi ha preso di mira l'impianto Fuel Power che si trova a Misilmeri, lungo la Palermo-Agrigento. Dopo aver setacciato gli uffici sono fuggiti a bordo di una Yaris con un bottino di 800 euro. Indagano i carabinieri

Le immagini riprese dal sistema di videosorveglianza

Minacciato con un’accetta da quattro banditi incappucciati, alcuni armati anche di pistola, che hanno poi rapinato un impianto di carburante della Fuel Power. Il colpo è stato messo a segno lo scorso 17 gennaio sulla strada statale 121 Palermo-Agrigento, nel territorio di Misilmeri. Sull’episodio indagano i carabinieri che hanno acquisito i video del sistema di sorveglianza che ha immortalato tutte le fasi dell’assalto.

La banda è arrivata intorno alla mezzanotte fra venerdì e sabato a bordo di una Toyota Yaris. Uno di loro, come mostrano le immagini, apre la portiera ed esce con un’accetta fra le mani. Si dirige verso l’impiegato, lo afferra per un braccio e lo minaccia: “Dammi tutti i picciuli picchì ti finisci male”. Quindi gli altri tre, due dei quali armati di pistola, scendono dall'auto e spingono l’uomo costringendolo a portarli negli uffici.

Una volta entrati i rapinatori hanno rovistato la stanza a caccia di contanti e altri oggetti di valore, riuscendo ad arraffare complessivamente un bottino di circa 800 euro. Poi la fuga, pochi minuti dopo l’irruzione, a bordo dell’auto (risultata rubata dopo i primi accertamenti). Una volta liberatosi della banda l’impiegato ha lanciato l’allarme alla centrale operativa del 112.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno acquisito le immagini riprese dalle telecamere e hanno avviato le indagini per mettersi sulle tracce dei rapinatori. L'episodio è stato poi denunciato in caserma. L’impianto Fuel Power in questione sarebbe solo il terzo, nel giro di due settimane, a ricevere un sgradita visita: l’ultimo episodio a Palermo, al distributore di via Armando Diaz.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento