Rapina con pistola al Conad: si fanno aprire la cassaforte e portano via 10 mila euro

Due uomini armati sono entrati in azione in via Roccazzo. Hanno sorpreso un dipendente del supermercato, lo hanno costretto ad entrare e si sono fatti consegnare i contanti incassati durante il ponte del 25 aprile

Il supermercato Conad di via Roccazzo (foto Google street view)

Dipendente minacciato e costretto a consegnare un grasso bottino a due rapinatori. Un colpo è stato messo a segno negli scorsi giorni al supermercato Conad di via Roccazzo. Ancora da quantificare con esattezza il bottino che ammonta a più di 10 mila euro.

Sull’episodio indaga la polizia che è intervenuta sul posto dopo l’allarme lanciato dallo stesso lavoratore che ha subito la rapina. L'uomo ha riferito agli agenti di essere stato avvicinato da due uomini che sono entrati in azione indossando dei caschi per nascondere il proprio volto.

I banditi hanno puntato una pistola contro il dipendente del supermercato e si sono fatti accompagnare alla cassaforte, dov’era custodito l’incasso del ponte del 25 aprile. Poi sono fuggiti a piedi tra i vicoli del quartiere, dove probabilmente i due avevano lasciato un mezzo pronto per la fuga.

Dopo aver ascoltato il racconto del lavoratore gli agenti hanno avviato le indagini acquisendo i video di alcune telecamere di sicurezza piazzate nella zona. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori c'è anche quella secondo cui potrebbe esserci stata una talpa: come facevano i rapinatori a sapere che avrebbero trovato tutti quei contanti?

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

Torna su
PalermoToday è in caricamento