Chiede passaggio a un automobilista e lo rapina: dopo sette mesi finisce in carcere

A incastrare il malvivente, un 27enne della Vucciria, la descrizione fornita dalla vittima e il bottino del colpo. Gli agenti di polizia sono riusciti a mappare il tracciato del telefonino rubato e a risalire alla rete wifi alla quale il rapinatore lo aveva agganciato

Lo scorso 30 agosto ha chiesto un passaggio a un automobilista in viale del Fante. Giunti in via del Bersagliere, minacciandolo con un coltello si è fatto consegnare il cellulare. Sette mesi dopo la polizia ha arrestato e spedito in carcere l'autore della rapina: Cosimo Corrao, 27enne palermitano della Vucciria.

A svolgere le indagini gli agenti della sezione Investigativa del Commissariato S.Lorenzo. Dopo essere stata rapinata la vittima ha denunciato tutto al 113 e fornito alla polizia una descrizione molto precisa del suo aggressore e dei vestiti che aveva indosso. I poliziotti sono riusciti a mappare il tracciato del telefonino rubato e a risalire alla rete wifi alla quale il rapinatore lo aveva agganciato. Il passo successivo è stata l’identificazione del rapinatore, riconosciuto dalla vittima e conosciuto dalla polizia per i suoi numerosi trascorsi. "Attraverso riscontri indiretti, effettuati su profili social, è stato inoltre accertato - spiegano dalla Questura - che Corrao, il giorno della rapina, indossasse gli stessi indumenti segnalati dalla vittima in sede di denuncia".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Era scomparso giovedì, 40enne ritrovato in centro: "Ha già abbracciato le sue bimbe"

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

  • Produce documenti falsi per percepire il reddito di cittadinanza: denunciato

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

Torna su
PalermoToday è in caricamento