Pd, Raciti eletto nuovo segretario regionale: affluenza flop nei gazebo

Il deputato e segretario nazionale dei Giovani Democratici colleziona il 61,3% dei voti stracciando l'uscente Lupo (33,2%). I votanti sono stati quasi la metà rispetto a due mesi fa, per le primarie dedicate al segretario nazionale

Il neoeletto segretario regionale Pd, Fausto Raciti

Sarà Fausto Raciti il nuovo segretario regionale del Pd Sicilia. Lo ha deciso il 61,3% degli elettori del centrosinistra durante la giornata di domenica. Battuto l'uscente Giuseppe Lupo con uno scarto di quasi 30 punti percentuali (con il 33,2%). Antonella Monastra si ferma al 5,4%. Ma l'affluenza ai gazebo è stata bassa, con circa 73 mila votanti contro i 129 che due mesi fa si recarono a votare per scegliere il segretario nazionale del Partito Democratico.

"INIZIAMO A COSTRUIRE IL PD IN SICILIA" - VIDEO

Grande successo per il deputato e segretario nazionale dei Giovani Democratici, che ha vinto in sette province su nove (tra Caltanissetta, Catania, Enna, Trapani, Agrigento, Siracusa e Palermo). In ognuna Raciti ha collezionato più del 50% necessario per il successo finale. Ragusa e Messina, invece, hanno scelto Lupo. Numeri positivi per Raciti sono giunti tra Palermo ed i comuni della provincia, dove complessivamente il candidato di renziani, cuperliani e Megafono ha vinto con il 50,75%, rispetto al 40,24% di Lupo.

BASSA AFFLUENZA - Sui quasi 60 mila elettori in meno rispetto alle primarie per la segreteria nazionale del partito, si è espresso anche il sindaco Leoluca Orlando: "Gli apparati si autoconservano e gli elettori disertano le primarie del Pd. Davanti i gazebo delle primarie oggi in Sicilia - ha spiegato - appaiono lontane anni luce le file di elettori del centro sinistra convinti appena poche settimane fa che potesse il Pd essere il riferimento per la costruzione di un campo largo, al di là di logiche di casta e di apparati. In queste condizioni il Pd ha scoraggiato cinicamente e scientificamente la partecipazione di iscritti e non iscritti. Si sta compromettendo - conclude - il ruolo che il Pd dovrebbe svolgere di riferimento ad un'area larga che chiede un'alternativa ad anni di cattiva politica e soffocanti inciuci".

SEGGIO IMMIGRATI - Per le elezioni del segretario regionale del Pd un solo gazebo era stato indicato per gli extracomunitari. Ed è per questo che l'assessore comunale Giusto Catania ha parlato di scelte che "evidenziano una pulsione discriminatoria", nei confronti di coloro i quali si sono trovati a votare in una sorta di "riserva indiana, dove concentrare gli emarginati - ha affermato Catania - ed evidenziando come per il Pd, il voto agli extracomunitari sia soltanto la concessione di un favore. Questa spiacevole vicenda - aggiunge - contribuisce a  comprendere la ragione per la quale il Pd, che è al governo del  Paese da anni, favorisce il voto agli immigrati solo per decidere gli apparati di partito mentre continua a non mettere all'ordine del giorno del Parlamento una legge che favorisca la  rappresentanza politica degli stranieri residenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • "Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti e 16 indagati

  • Reddito cittadinanza, il caso di una coppia di Palermo: "Mentono al Fisco, card sequestrata"

  • Quando Totò Riina fu arrestato: "In carcere le guardie gli urlavano 'Stai zitto, prigioniero'"

  • Calogero non ce l'ha fatta: morto il 27enne malato di linfoma che ha commosso l'Italia

Torna su
PalermoToday è in caricamento