La polizia non dorme: "Le pattuglie di tutti gli otto commissariati in giro 24 ore su 24"

L'annuncio arriva dalla questura: "L'obiettivo è controllare meglio il territorio e garantire una presenza più capillare ed organica". Il commissariato Politeama coprirà anche il centro storico

Rimescolato l'assetto degli otto commissariati di polizia di Palermo. L'obiettivo - a detta della questura - è quello di adeguarsi alla realtà sociale e criminale di oggi e ai nuovi scenari del tessuto urbano, correlati, in particolare, alla “rinascita” del centro storico di Palermo, reputato peraltro il più ampio d’Italia, sotto il profilo demografico e culturale

"Per controllare meglio il territorio e garantire una presenza più capillare ed organica delle pattuglie - hanno spiegato dalla polizia - è stato esteso anche alla fascia notturna (con copertura quindi h24) l’impiego degli equipaggi di volante di tutti gli otto commissariati cittadini, in aggiunta ai dispositivi di controllo del territorio già assicurati dall’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico". Impiego già avviato nei mesi scorsi per i commissariati Zisa-Borgo Nuovo, Oreto-Stazione, Libertà e San Lorenzo.

"Significativi interventi hanno riguardato, tra gli altri, in particolare il commissariato di Politeama che da oggi assume la nuova denominazione di commissariato Centro - annunciano dalla questura - in virtù di una significativa strutturazione dei suoi confini territoriali che abbracciano nella sua giurisdizione un’ampia fetta del centro cittadino, dal rione della Vucciria al porticciolo turistico della Cala e sedi istituzionali quali il Palazzo di Giustizia nonché monumenti come la Cattedrale ed il Palazzo dei Normanni, in precedenza ricadenti invece nella competenza del commissariato Oreto-Stazione".

Dalla questura aggiungono: "L’area che confluirà nelle competenze del commissariato Centro si caratterizza, infatti, per la sua preminente vocazione turistica; ad una parte di essa corrisponde il cosiddetto “percorso arabo-normanno”, recentemente dichiarato “patrimonio mondiale dell’umanità” dall’Unesco, meta preferita da centinaia di visitatori che ogni giorno ne affollano i siti di maggior interesse. In tale ottica è stata concepita la rivisitazione dei confini del commissariato Politeama e la sua nuova denominazione, ovvero quella di conferire maggiore sicurezza all’intero centro storico, attraverso l’ottimizzazione dei servizi di prevenzione e delle risorse sul territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E per facilitare logisticamente l’utenza è stata prevista l’estensione della giurisdizione del commissariato di Bagheria al territorio del comune di Misilmeri, prima ricadente invece nella competenza del commissariato di Brancaccio. "Ulteriori informazioni - dicono dalla polizia - sono consultabili attraverso il seguente link dedicato: http://questure.poliziadistato.it/it/Palermo/articolo/18215c6e6062de55e109045132 realizzato con la collaborazione del Comune di Palermo. Attraverso questo strumento informatico, inserendo nell’apposito campo di ricerca il proprio indirizzo di residenza, i cittadini potranno conoscere il commissariato di polizia di riferimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento