Oltre 400 querele ogni anno in Sicilia: (ri)apre lo sportello legale gratuito per i giornalisti

L'Ordine ripristina il servizio istituito nel 2014 e poi interrotto. A fornire consulenze e assistenza gli avvocati Marcello Montalbano e Salvatore Ferrara. Il presidente Giulio Francese: "Abbiamo voluto accogliere il grido di allarme di molti colleghi stufi di essere bersagliati"

La sede dell'Odg Sicilia

Troppe querele per i giornalisti: oltre 400 ogni anno in Sicilia, secondo gli ultimi dati di Ossigeno per l'informazione. L'87 per cento delle querele, inoltre, si concluderebbe con il proscioglimento dopo processi che durano anni e che sfiancano, psicologicamente e finanziariamente chi li subisce. Per questa ragione l'Ordine dei giornalisti di Sicilia ha deciso di aprire, ripristinando un'analoga iniziativa del 2014, uno sportello legale gratuito per i colleghi che si dovessero trovare alle prese con querele o richieste di risarcimento civile. 

L'Ordine si avvarrà della collaborazione di due esperti in materia, gli avvocati Marcello Montalbano e Salvatore Ferrara, che forniranno attività di consulenza e assistenza. "Li ringraziamo sentitamente - dice il presidente dell'Odg Sicilia, Giulio Francese - per avere accettato di mettere al servizio dei colleghi la propria competenza".

Per contattare lo sportello-querele dell'Ordine, basterà telefonare dalle 15 alle 17 del primo martedì e del terzo giovedì del mese al numero 091/7745914. La segnalazione verrà smistata ai legali che contatteranno gli interessati. "Abbiamo voluto accogliere - conclude il presidente dell'Ordine - il grido di allarme di molti colleghi stufi di essere bersagliati da querele temerarie e richieste di risarcimento che sono diventati strumenti di intimidazione di massa, come dimostra l'alto numero di proscioglimenti. In ogni caso le querele, quando arrivano, ti tolgono il sonno e ti costringono a spendere molti soldi per poterti difendere. Soldi che tante volte i colleghi non hanno, perché precari o pagati quattro soldi ad articolo. Non potevamo ignorare questa richiesta di aiuto, specialmente in un momento così difficile per la categoria, un momento in cui siamo chiamati a  dare segnali di compattezza e di solidarietà".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento