Il ritratto di Donna Franca Florio tornerà a Palermo, Palazzo Mazzarino la sua nuova casa

L'opera, realizzata da Giovanni Boldini, circa sette mesi fa è stata venduta all'asta per oltre un milione di euro. La rivista Gattopardo svela i nomi degli acquirenti: sono i marchesi Marida e Annibale Berlingieri

Pericolo scampato: il ritratto di donna Franca Florio non lascerà, un'altra volta, la sua Palermo. L'opera, realizzata da Giovanni Boldini, è stata acquistata all'asta dai marchesi Marida e Annibale Berlingieri e Palazzo Mazzarino, in via Maqueda, sarà presto la nuova casa della tela. A svelare i nomi degli acquirenti e il luogo in cui il quadro sarà esposto è stata la rivista Gattopardo

L'opera lo scorso 30 aprile venne venduta, dopo oltre due mesi di asta, per la modica cifra di oltre un milione di euro. L'identità dell'acquirente sino a sabato scorso è rimasta ignota. In molti, preoccupati che il ritratto potesse lasciare il capoluogo siciliano, negli ultimi mesi si sono mobilitati per evitare che questo potesse accadere. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando aveva invocato l’intervento della Regione invitato ad esercitare il suo diritto di prelazione. Prima di lui, alcuni cittadini avevano avviato una raccolta fondi riuscendo però a raccogliere solo 5 mila euro.

"I marchesi - scrive il Gattopardo - escono solo ora allo scoperto perché è da poco scaduta la clausola che, anche dopo l'aggiudicazione avvenuta a maggio, consentiva a un ente pubblico di esercitare il diritto di prelazione con un'ulteriore offerta del 10%". L’opera dell’artista ferrarese presto potrà di nuovo essere ammirata dai palermitani. "L'acquisto è stato - ha dichiarato a Gattopardo il marchese Annibale Berlingieri - un atto d'amore per Palermo".

"Sono grato ai Marchesi Berlingheri - afferma il Leoluca Orlando - per questo atto di amore e sensibilità per la nostra città. Aver permesso che un'opera così importante per la storia di Palermo potesse restare nella sua città è un atto di grande generosità. Ancora più bello sarà poterlo rendere visibile ai più proprio nell'anno in cui Palermo sarà Capitale della cultura italiana". I nuovi proprietari, infatti, hanno confermato al sindaco che l'opera tornera Palermo nel corso del 2018 e potrà in alcune occasioni essere esposto al pubblico.

Al momento il quadro è esposto nella reggia di Venaria in Piemonte. Il ritratto dell'indiscussa regina di tutti gli appuntamenti del bel mondo palermitano, che parlava fluentemente quattro lingue e che con la sua intrigante bellezza ed eleganza aveva sedotto centinaia di uomini, primi tra tutti Gabriele d'Annunzio e Guglielmo II di Germania, nel 2005 fu acquistato, sempre all'asta, dalla Società Acqua Marcia di Francesco Bellavista Caltagirone, titolare di diversi alberghi di lusso in Sicilia per ottocentomila euro. Fu così che ritornò a Palermo dove fu esposto in una sala del Grand Hotel Villa Igea, antica residenza dei Florio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Una bella notizia!!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

  • Cronaca

    Il Comune si riprende La Mimosa, sgomberato l'asilo occupato a Pallavicino

  • Cronaca

    Differenziata, Rap apre alle scuole il Centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti

  • Economia

    Quota 100, a Palermo 2.500 richieste: in pensione senza verifica ma c'è il rischio "trappola"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento