Dirigenti sindacali, forestali e volontari all'opera: ripulito un bosco a Cefalù

L'iniziativa è una delle tappe di “Fai Bella l’Italia” ed ha lo scopo di restituire alla collettività gli spazi verdi abbandonati. Rimossi rifiuti, erbacce e rovi. L'appello del segretario della Cisl Sicilia: "Rendere lo sviluppo ecosostenibile una realtà"

Volontari al lavoro nel bosco a Cefalù

Quello che sino a ieri era un ammasso di rovi, erbacce, rami e sporcizia, da oggi torna a essere un bosco ben curato e aperto a tutti a Cefalù. A renderlo possibile il lavoro svolto dalla Fai Cisl Sicilia che stamattina ha ripulito quest’area verde, da anni in stato di incuria e degrado. I dirigenti sindacali della federazione dell’agroalimentare della Cisl in Sicilia, si sono messi al lavoro insieme a volontari e lavoratori e grazie al loro impegno, l'area verde ora potrà essere fruita da cittadini e turisti. 

L’iniziativa è una delle tappe di “Fai Bella l’Italia”, organizzata dalla Fai Cisl col sostegno della Cisl nazionale, che ha visto mobilitate da Nord a Sud tutte le federazioni territoriali, che hanno ripulito e restituito alla collettività numerosi spazi verdi abbandonati per anni. Tante le adesioni, da cittadini a famiglie, associazioni locali, istituzioni, mobilitate insieme alle federazioni regionali del sindacato agroalimentare e ambientale per la salvaguardia del territorio e la valorizzazione del patrimonio paesaggistico. Testimonial è Valerio Rossi Albertini, ricercatore del Cnr e divulgatore scientifico. “Oggi si celebra la prima giornata indetta dalla Fai Cisl per la cura dell’ambiente - ha commentato Pierluigi Manca, segretario generale della Fai Cisl Sicilia - e anche in Sicilia, come nelle altre regioni italiane, ci siamo rimboccati le maniche con iniziative concrete. Vogliamo accendere i riflettori sull’enorme contributo che i lavoratori dell’agroalimentare, della bonifica, della forestazione, svolgono ogni giorno. Vanno attuate le riforme essenziali per un settore fondamentale per l’Isola e vanno realizzati gli interventi che chiediamo da tempo, quali quelli di tutela del territorio dal rischio idrogeologico e di valorizzazione dei boschi come fattori importanti per l’economia circolare”. 

Per il segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio, è ancora lunga la strada per una seria politica ambientale in Sicilia: “È encomiabile l’iniziativa della Fai perché dimostra come i gesti del quotidiano siano essenziali per contribuire concretamente al miglioramento della qualità della vita di tutti. A oggi purtroppo in questa Regione si registra un forte ritardo nella gestione di una risorsa essenziale come l’ambiente, che rappresenta un valore aggiunto in termini economici e produttivi. Serve un cambio di marcia, per rendere lo sviluppo ecosostenibile una realtà e non più un’utopia”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Orlando firma l'ordinanza: negozi aperti anche la domenica

Torna su
PalermoToday è in caricamento