Protesta allo "scaro", ingresso bloccato: tir invadono via Montepellegrino

La strada è stata chiusa dai vigili urbani, sul posto anche la polizia. Una parte dei commercianti è contraria al ripristino del vecchio orario d'ingresso, alle 3 del mattino piuttosto che alle 23. Disagi al traffico in tutta la zona

Caos questa mattina in via Montepellegrino, dove è stato bloccato l'ingresso del mercato ortofrutticolo. A protestare alcuni commercianti che sono contrari al ripristino del nuovo orario di ingresso al mercato, alle 3 mattino piuttosto che alle 23. Ripercussioni al traffico in tutta la zona. La via Montepellegrino è stata chiusa: le pattuglie dei vigili urbani hanno bloccato la strada sia da piazza Generale Cascino, che da piazza Giachery. I Tir sono incolonnati anche in via Crispi. Sul posto pure la polizia.

La protesta è rientrata dopo qualche ora e i tir sono entrati al mercato. Le attività sono riprese grazie alla promessa di ridiscutere i nuovi orari. "La commissione Attività produttive - afferma il presidente Paolo Caracausi (Idv) - ha accolto la richiesta affinchè il mercato torni al vecchio orario, cioè alle 3 del mattino. In questo modo è possibile applicare più controlli sulla merce che entra dentro al mercato e si garantisce una maggiore regolarità delle contrattazioni". 

“La protesta di oggi al mercato Ortofrutticolo di via Montepellegrino a Palermo, con i tir che bloccano la circolazione, è l’ennesima prova che il mercato deve essere spostato in luogo più idoneo, sia logisticamente che commercialmente. Una struttura tra l'altro neanche a norma e senza addirittura un impianto fognario che sconta anni di abbandono e violazioni delle regole elementari, tra le quali i controlli delle attività e dei flussi dei veicoli, che si ripercuotono pesantemente sulla vivibilità e sulla pulizia della zona, a scapito dei residenti e dei commercianti. Nonostante gli sforzi della Rap, lodevoli ma isolati, non si vedono grandi cambiamenti. L’amministrazione si impegni a cercare i fondi per lo spostamento del mercato che è prioritario, tanto quanto una linea di tram. Lo spazio attuale può essere convertito a zona verde o a spazi pubblici da destinare al quartiere”. Lo dice Filippo Occhipinti, capogruppo dei Comitati Civici al consiglio comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento