Protesta dei medici veterinari, Venza (Uil Fpl Sicilia): “Nessuno ci ha voluto ricevere"

"Chiediamo un confronto e l’aumento delle ore di lavoro”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Abbiamo protestato davanti alla sede dell’assessorato regionale alla Salute, in piazza Ziino a Palermo, ma nessuno ci ha voluto ricevere. E’ inaccettabile che da parte del governo regionale non ci sia la volontà di ascoltare e confrontarsi. Siamo medici veterinari, siamo lavoratori siciliani che rivendicano da anni l’aumento delle ore di lavoro, senza le quali garantire livelli essenziali di assistenza e prestazioni è impossibile”. Così Massimo Venza, coordinatore regionale dell'area medico veterinaria della Uil Fpl, che aggiunge: “Da circa un anno aspettiamo l'approvazione di una norma che consentirebbe un aumento delle ore di incarico per lo svolgimento di attività sanitarie istituzionali. Adesso chiediamo risposte, la politica non può tirarsi indietro”.

Nell’Isola sono i 350 medici veterinari specialisti con incarichi di lavoro part time a tempo indeterminato da 20 anni. La soluzione prospettata permetterebbe di evitare i nuovi concorsi e garantirebbe un risparmio per le casse della Regione, evitando possibili duplicazioni di compiti e funzioni.

Torna su
PalermoToday è in caricamento