"Straordinari e buoni pasto in ritardo": scoppia la protesta dei lavoratori della Sas

Il sindacato Ursas-Sadirs ha organizzato un sit-in di fronte ai locali della società partecipata della Regione in piazza Castelnuovo

La sede della Sas in piazza Castelnuovo

Sit-in di fronte ai locali della Sas, società partecipata della Regione, martedì prossimo dalle 10. Ad organizzare la protesta è il sindacato Ursas-Sadirs che punta il dito contro la governance dell'azienda “sempre più lontana dai problemi dei lavoratori e 'distratta' nella gestione delle dinamiche della società. Inadempienze e indifferenze che oggi hanno superato il limite della tollerabilità". Il sindacato chiede l’immediata convocazione del tavolo per avviare la contrattazione sul fondo delle risorse decentrata 2019 che ancora oggi langue e con essa la misurazione propedeutica dei livelli di rappresentatività, necessaria ed indispensabile per ogni accordo.  

“Attività aziendali che dovrebbero essere ordinarie – spiega Pietro La Torre, alla guida di Ursas – vanni avanti a rilento da troppo tempo nel disinteresse più assoluto. Sembra che l’attuale governance non abbia idea di come si gestisca un’impresa di servizi. Lo straordinario è ormai da tempo diventato uno strumento estraneo alle previsioni contrattuali mentre ogni legittima richiesta avanzata dai lavoratori viene puntualmente ignorata o addirittura denigrata sia che si tratti del completamento dell’orario dei lavoratori part-time storici che di quelli neo assunti detti 'albisti'. È assurdo che ancora oggi non si abbia notizie sulla erogazione dei buoni pasto del 2019 e per i quali si è dovuto fare ricorso, in ultimo al lavoro straordinario per provare a portare avanti il lavoro. Una beffa per i tanti lavoratori che non hanno ancora percepito un solo euro né di buoni pasto né di straordinario. Va risolto una volta per tutte anche il contenzioso presente in azienda, problematica che, se non governata, finirà per creare gravi danni a tutti i lavoratori”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento