Prof sospesa, si mobilita anche l'Università: "Sanzione colpisce tutti noi"

L'ateneo esprime solidarietà a Rosa Maria Dell’Aria, docente dell’istituto Vittorio Emanuele III sanzionata per non avere vigilato sul compito di un gruppo di studenti. I docenti: "Continuiamo a offrire conoscenze e riflessioni"

La professoressa Rosa Maria Dell’Aria

"Gli eventi che hanno coinvolto la professoressa Rosa Maria Dell’Aria dell’ITI Vittorio Emanuele III, sanzionata con una sospensione di quindici giorni dal provveditorato, per aver svolto il suo ruolo di insegnante e non aver limitato la libertà di espressione dei propri studenti, che avevano operato, un accostamento tra il decreto sicurezza del Governo italiano e le leggi razziali, durante la celebrazione del Giorno della Memoria, ci chiama alla solidarietà ma soprattutto ci interroga sul ruolo stesso della formazione e dell’educazione". E' quanto si legge in una nota dell'Università, che si schiera con la docente.

L'ateneo esprime "Solidarietà, certo, per una docente accusata ingiustamente di non essere intervenuta immediatamente per 'redarguire' l’alunno per l’accostamento ritenuto inopportuno, accusa che non ha nulla a che vedere con il diritto-dovere di qualsiasi docente di procedere liberamente nella scelta dei percorsi di apprendimento, ma anche di accogliere le proposte degli studenti, senza intenti manipolativi o strumentalizzanti, accompagnandone i processi di riflessione, di critica e di autocritica, non certo 'sanzionando' scelte ed accostamenti".

La prof sospesa divide il governo, Di Maio: "Farò di tutto per reintegrarla"

Solidarietà che per l'università è anche "inquietudine per interventi di controllo e di 'repressione culturale' che giungono da uffici che dovrebbero, al contrario, garantire proprio quella libertà dell’insegnamento ed essere impegnanti nel ridurre lo stato di difficoltà e di crisi di diverse realtà scolastiche palermitane. Ma ci interroga, in quanto professori e in quanto Università, sul ruolo stesso della formazione e dell’educazione". 

I docenti sottolineano che l'obiettivo del nostro lavoro "è e resta la costruzione di saperi e di coscienze, uno spazio in cui i contenuti della formazione si incontrano e fondono con quelli dei processi educativi. Insegnare è stimolare accostamenti, spingere alla creatività, far sentire liberi gli studenti di esprimere opinioni e pensieri. Su essi costruire riflessioni, revisioni, autocritiche, documentazione. Se venisse meno questo compito verrebbe meno il ruolo stesso della formazione e dell’educazione. Per questo non possiamo sottacere quanto accaduto alla professoressa Dell’Aria, perché la sanzione che l’ha colpita, riguarda ognuno di noi. Ogni docente, soprattutto dentro l’Università, è destinatario di tale sanzione: siamo sanzionati perché continuiamo ad offrire conoscenze e riflessioni, continuiamo a chiedere e stimolare riflessioni. Questo è il compito della formazione e questo compito non può essere sanzionato, se non mettendo in discussione la libertà di tutti e il senso stesso dell’educare, per questo chiediamo l’immediato ritiro del provvedimento che ha colpito la professoressa Dell’Aria".

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Parrucche e trucco per chi affronta la chemio, La Maddalena inaugura "La stanza del sorriso"

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Menopausa, quali sono i rimedi naturali che le signore palermitane dovrebbero seguire

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Orfeo, muore nel cinema a luci rosse mentre vede film porno

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Incidente tra Isola e Capaci, auto "salta" il guardrail e invade la carreggiata opposta

  • Clamoroso: il Palermo non è riuscito a iscriversi al campionato di serie B

  • Incendio sulla Palermo-Sciacca, pullman dell'Ast divorato dalle fiamme

  • Nozze da "favola" per Jacopo, papà Zenga si emoziona e riabbraccia Andrea

Torna su
PalermoToday è in caricamento